Serie B, Perugia-Frosinone: le probabili formazioni e dove seguirla in diretta. Oddo: "Iemmello ha sbagliato"

Alla vigilia della sfida al Curi (ore 21) contro i ciociari del grande ex Nesta, il tecnico è tornato sulla 'ribellione' del centravanti dopo l'esclusione di La Spezia: "Con Pietro ho parlato da ex calciatore, amico e fratello maggiore. È un ragazzo intelligente e ha capito..."

Alla vigilia della sentitissima Perugia-Frosinone (martedì 24 settembre, ore 21 allo stadio 'Curi'), Massimo Oddo è tornato sul caso Iemmello, reo di essersi sfogato ai microfoni di 'Dazn' dicendosi sorpreso dall'esclusione iniziale dopo il match pareggiato 2-2 a La Spezia grazie proprio a un gol da lui segnato al 90': “Da ex calciatore comprendo lo stato d'animo di tutti ed è normale che stare fuori non faccia piacere. Per questo io parlo tanto soprattutto con chi gioca di meno rispetto a quelli che scendono in campo più spesso, ma con franchezza e coerenza e senza prendere in giro nessuno spiegando piuttosto dove ritengo debbano migliorare per giocare di più. Basta vedere Nzita: tatticamente è indietro rispetto agli altri e due mesi fa non lo avrei mai fatto scendere in campo, invece a La Spezia ha debuttato da titolare e ha fatto una gran partita. Bisogna però far capire a tutti che nel rispetto soprattutto dei compagni, a cui non bisogna sentirsi superiori, vanno accettate le scelte e bisogna cercare di trasformare la rabbia in qualcosa di positivo, sia in allenamento che quando si entra in corsa come ha fatto Iemmello al 'Picco' segnando. Di certo dietro ogni mia scelta c'è sempre una motivazione che può essere anche funzionale alla 'costruzione' di una rosa sul lungo periodo, per non perdere nessuno lungo il cammino. Ecco allora che magari ci si può prendere anche il rischio di tenere fuori un giocatore che ha segnato 3 gol nelle prime 3 giornate, ma sempre per il bene della squadra. Ho parlato con Pietro con il cuore in mano, da amico e da fratello maggiore che è passato in queste situazioni prima di lui, gli ho spiegato che bisogna gestire un po' meglio queste situazioni che possono generare caos e che nel momento in cui saremo più in difficoltà poi si ritirerà fuori tutto questo. Lui ha sicuramente il suo carattere ma non c'è problema e questa cosa servirà da monito a tutti, in questi casi poi più dell'allenatore conta la forza del gruppo, che quando è forte va lì e dice: 'Pietruzzo, amico mio, oggi hai detto una 'cagata'. Ma Pietro è intelligente e ha già capito”.

TOTOFORMAZIONE - Da capire ora se Iemmello tornerà tra i titolari nel match contro i ciociari, in cui Oddo probabilmente presenterà ancora novità rispetto all'undici visto in campo a La Spezia: “Qualcosa si cambierà perché ogni partita ha una storia diversa - ha confermato lo stesso tecnico - e possono cambiare anche gli interpreti in base alle caratteristiche che l'allenatore reputa necessarie per un certo tipo di gara. In un giorno e mezzo non abbiamo avuto molto tempo per stare sul campo e abbiamo cercato di sfruttarlo al massimo per andare poi in campo con le idee chiare”. Possibile che stavolta a 'riposare' sia Falcinelli, magari con Melchiorri titolare al fianco di 'Re Pietro' con 'Dieguito' pronto a entrare nella ripresa così come potrebbe fare Capone, che Oddo ha spronato così come ha fatto con Buonaiuto e Fernandes: “Capone come ho già detto è fortissimo e al 'Picco' si è mosso molto bene, seguendo le indicazioni che gli avevo dato prima del match ma deve metterci più cattiveria e migliorare la scelta dell'ultimo passaggio, senza abbassare la testa dopo il primo errore. Buonaiuto è fantastico palla al piede e nella fase offensiva, ma deve crescere dal punto di vista tattico e della disciplina in campo per poter diventare un calciatore da Serie A, dove gioca invece gente che tecnicamente è meno forte di lui. Fernandes? Se facesse qualche gol non sarebbe male visto che riesce sempre a costruirsi delle occasioni. E dico queste cose in conferenza perché le ho già dette a loro”. Proprio Buonaiuto e Fernandes sembrano in ballottaggio per il ruolo di trequartista, mentre in mediana potrebbero tornare titolari Balic e Falzerano, che si contendono una maglia con Dragomir, Kouan e Nicolussi Caviglia. Un dubbio in difesa, come ha spiegato lo stesso tecnico ancora orfano per diverse gare dell'infortunato Angella: “Devo ancora valutare bene le condizioni di Sgarbi, che ha un problemino. Accentrare Rosi? Questa soluzione non l'ho mai provata perché abbiamo anche Falasco, che in carriera ha giocato spesso in mezzo, e Rodin”. Nel ruolo di terzino sinistro infine dovrebbe rivedersi Di Chiara.

NESTA SENZA DIONISI - Assenza pesante in attacco intanto per Alessandro Nesta, tecnico del Frosinone e grande ex della prossima sfida al Curi che dovrà fare a meno dell'infortunato Dionisi e alla vigilia ha cercato di caricare i suoi e l'ambiente gialloblù dopo il deludente avvio che ha portato appena 4 punti nelle prime 4 gare di campionato: “Lo scorso anno a Perugia dopo 4-5 partite eravamo piatti giocando 3-5-2 e abbiamo cambiato modulo. Oggi il Frosinone non è in alto mare e raccoglierà di più rispetto a quanto fatto finora. Dobbiamo migliorare, gli attaccanti si sbloccheranno e i gol arriveranno. L’anno scorso hanno mandato Verre a Perugia (arrivò in prestito dalla Sampdoria, ndr) per fare i play, alla fine ha fatto 12 gol e non aveva mai segnato così tanto. Quindi i gol arriveranno. Nelle ultime tre il portiere avversario è stato il migliore in campo, poi c’è l’imprecisione nostra. Ma credo se ne esca perché la squadra è viva. Non è tutto da buttare. Di certo il Frosinone viene da un modo di giocare diverso, creare una mentalità diversa ha bisogno di un po’ più di tempo. Non per questo ci sono giustificazioni, il messaggio è che i risultati non vanno bene e i 4 punti non sono sufficienti ma non è tutto da buttare”. Nesta ha parlato anche del Grifo: “Mi aspetto una partita contro una squadra forte e in salute. Il Perugia ha fatto punti, l’ha messa a posto anche all’ultimo secondo (sabato scorso al 'Picco', ndr), ha un organico importante in tutti i reparti. È forte e in casa gioca bene”.

ARBITRO PUGLIESE - Ad arbitrare il match del Curi contro il Frosinone (diretta testuale su perugiatoday.it) sarà Eugenio Abbattista della sezione di Molfetta, coadiuvato dagli assistenti Mattia Scarpa della sezione di Reggio Emilia e Marcello Rossi della sezione di Novara mentre il quarto uomo sarà Daniel Amabile della sezione di Vicenza. Con l'arbitro pugliese il Grifo ha 11 precedenti, con 7 vittorie, 3 pareggi e una sconfitta mentre il Frosinone lo ha incrociato 10 volte con uno score decisamente peggiore che parla di una sola vittoria, 3 pareggi e 7 sconfitte.

COPPA ITALIA - Definito intanto l'orario di inizio della sfida Sassuolo-Perugia valida per il quarto turno di Coppa Italia, al quale il Grifo di Massimo Oddo si è qualificato battendo al Curi prima la Triestina e poi il Brescia ai supplementari. Il match si giocherà al 'Mapei Stadium' di Reggio Emilia con fischio d'inizio alle ore 15 e verrà trasmessa in diretta su Rai Sport.

Perugia-Frosinone (martedì 24 settembre, ore 21)

LE PROBABILI FORMAZIONI:

PERUGIA (4-3-1-2): Vicario; Rosi, Gyomber, Sgarbi, Di Chiara; Falzerano, Carraro, Balic; Buonaiuto; Melchiorri, Iemmello. All. Massimo Oddo

FROSINONE (4-3-1-2): Bardi; Salvi, Capuano, Ariaudo, Beghetto; Paganini, Maiello, Haas; Ciano; Novakovich, Trotta. All. Alessandro Nesta

ARBITRO: Abbattista di Molfetta

TV: Dazn

WEB: perugiatoday.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La famiglia denuncia la scomparsa, i Vigili del fuoco cercano un giovane tra Collestrada e Ponte San Giovanni

  • Incubo finito, ritrovato a notte fonda il minore scomparso

  • Maltempo, il Comune di Perugia tiene chiuse scuole e Università: ordinanza del sindaco

  • Nuovo maxi concorso, l'Aci assume personale a tempo indeterminato: due bandi

  • Usl Umbria 1 in lutto, è morto il professor Fabrizio Ciappi

  • Maltempo, la Protezione Civile: chiuse strade e allarme per fiumi. "Ecco quando e dove si verificherà il picco della piena del Tevere"

Torna su
PerugiaToday è in caricamento