Cremonese-Perugia 2-1, le pagelle: Nzita sovrastato da Piccolo, ma Di Chiara...

Il giovane belga entra al posto del terzino, che esce infuriandosi con Oddo, e un minuto dopo si fa superare dall'attaccante grigiorosso che di testa segna il gol vittoria. Strepitoso Vicario, che non riesce però ad evitare la sconfitta a un Grifo pericoloso soprattutto con Nicolussi Caviglia

Le pagelle del Perugia dopo la sconfitta per 2-1 incassata sul campo della Cremonese nel match valikdo per la 16a giornata di Serie B.

"Grifonerie": i tre ostacoli sulla strada per la Serie A

VICARIO 7,5 Incolpevole sul gol dell'1-0, si scalda con un tiro di Zortea (21') e una debole 'incornata' di Ceravolo per superarsi poi al 28', quando chiude la strada a Gustafsson e poi a Ceravolo con una zampata da vero felino mentre un minuto dopo è il legno a salvarlo sul gran destro al volo di Migliore. Nella ripresa è ancora reattivo prima su un tiro ravvicinato (69') e poi su colpo di testa di Ceravolo (70'), chiude salvando al 90' di petto a tu per tu con Palombi.

ROSI 5,5 Poco coperto sul suo lato da Balic e Falzerano, soffre la verve di Migliore a cui concede troppi cross e nel primo tempo la palla che l'esterno grigiorosso manda sul palo (28'). Quando c'è Di Chiara a sinistra lui inevitabilmente limita le sortite offensive sulla corsia opposra, nella ripresa (69') è però bravo a murare Palombi con la collaborazione di Rosi.

GYOMBER 6 Di nuovo titolare dopo il forfait col Cosenza nonostante i pochi allenamenti nelle gambe, si dimostra elemento fondamentale per la difesa biancorossa di cui è ormai un baluardo insostituibile. Nella ripresa (69') mura Palombi in area con la collaborazione di Rosi

SGARBI 6 Con Gyomber al suo fianco mostra più sicurezza ma Di Chiara sulla sua sinistra non gli dà la stessa copertura e al 25' si fa superare da Piccolo, che mette poi una palla pericolosa sulla testa di Ceravolo. Proprio quest'ultimo è il suo avversario diretto, un cliente scomodo che soffre inevitabilmente e che si perde al 53' quando l'ex ternano sfiora il palo con lo 'scorpione'. Cinque minuti dopo è invece bravo su una ripartenza lombarda a chiudere in corner su Piccolo, non molla e lotta fino al triplice fischio dell'arbitro.

DI CHIARA 5 Sovrastato già al 5' da Ceravolo (colpo di testa a lato su cross di Migliore), dalla sua parte (tacco di Palombi) nasce l'azione che porta al tiro di Zortea parato da Vicario (17') mentre al 22' è costretto a 'spendere' il giallo per fermare il contropiede di Piccolo. Decisamente meglio in fase offensiva con la palla gol servita a Falzerano al 19', l'incursione che al 36' lo porta al tiro dal limite (innocuo per Agazzi) e la palla appoggiata a Nicolussi per l'ultima chance del primo tempo. Stesso copione nella ripresa, con Zortea che dalla sua parte crossa per Ceravolo al 1' (palo sfiorato) e gli va via all'8' con un gran numero per servire ancora l'ex ternano ('scorpione' di poco a lato). Con il Grifo a caccia del pari e poi del sorpasso lui fatica a rientrare sulle ripartenze della Cremonese (come al 69' quando Ceravolo lo infila e impegna ancora Vicario) e, già ammonito, viene sostituito da Oddo a cui non nasconde la sua stizza uscendo dal campo. Un brutto gesto soprattutto per il giovane compagno che ne prende il posto (dal 28' st NZITA 5,5 Entra nel mezzo della 'sceneggiata' tra Di Chiara e Oddo e al primo cross Piccolo lo sovrasta segnando di testa il gol del 2-1 grigiorosso. Incassa il colpo e si rialza, provando invano a spingere e a colpire di testa all'89' quando viene però anticipato in uscita da Agazzi. Chiude facendosi passare davanti Palombi, fermato da Vicario al 90').

Oddo: "Il gol di Claiton in fuorigioco. L'espulsione? Chiedete all'arbitro..."

BALIC 5,5 Galleggia tra centrocampo e trequarti, abbassandosi a volte per supportare Carraro in regia ma alzandosi più spesso insieme a Nicolussi per dare maggiore peso alla fase offensiva. E se al 19' è troppo debole il tap-in dal cuore dell'area dopo la respinta di Agazzi su Falzerano, è bello invece lo scambio con Nicolussi che al 24' porta Capone a sfiorare il palo dal limite. Prima del riposo prova invano a superare il portiere in uscita da posizione defilata (44'), in avvio di ripresa spreca un'altra chance calciando in curva tutto solo dal limite e al 71' si fa infilare da Zortea che manda al tiro Palombi (murato da Gyomber e Rosi). Esce dopo aver mandato Iemmello (74') al tiro dal limite. (dal 37' st FALCINELLI SV Gettato nella mischia nel finale, non ha il tempo né l'occasione giusta per incidere)

CARRARO 6 Poco rapido a uscire al 13' sul gol di Claiton (che sembrava comunque in fuorigioco e al di là del centrocampista biancorosso), cerca il gol dell'1-1 al 41' con un velleitario destro dal limite (palla fuori) e sfiora invece quello del 2-2 nel finale (86') quando su corner colpisce la traversa di testa. In mezzo una gara di sostanza, tosta in fase di interdizione e ordinata (ma senza lampi e invenzioni) in quella di regia.

NICOLUSSI CAVIGLIA 6,5 Determinato e sicuro nonostante i suoi 19 anni, anche allo 'Zini' mostra tutte le sue doti e la sua personalità. Bello lo scambio con Balic che al 24' porta Capone al tiro, prima del riposo sfiora l'incrocio dal limite rientrando sul mancino dopo aver fintato il tiro col destro e alla ripresa va di nuovo vicino al gol su cross di Falzerano, murato però da Bianchetti. Ha voglia di spaccare il mondo ma è da dimenticare il calcio di punizione con destro in curva al 50', però il ragazzo non si abbatte e si rifa con la palla rubata a Palombi e consegnata poi a Iemmello che fa 1-1 (65'). Combatte fino alla fine, mostrando una grande condizione.   

FALZERANO 5,5 Parte calciando al lato al 1' mentre al 19' è bravissimo Agazzi a negargli il gol, ma a parte questo è scarso il contributo dato alla squadra e commette anche un paio di errori evitabili (palla regalata a Palombi che calcia poi a lato al 32' e mancato passaggio allo smarcato Iemmello poco prima del riposo). Anche nella ripresa affonda subito arrivando al cross per Nicolussi (murato in area) ma poi smette di incidere e viene sostituito (dal 17' st BUONAIUTO 5,5 Il suo ingresso risveglia anche Iemmello, ora meno isolato, entra bene in partita ma più che servire il compagno ci prova un paio di volte da solo senza inquadrare la porta).

Coppa Italia, ottavi di finale: data e orario di Napoli-Perugia

CAPONE 5,5 Un gran bel primo tempo fatto di movimenti e contromovimenti, veli e precisione negli scambi stretti ma anche sacrificio al momento di abbassarsi sulla fascia sinistra. Sfortunato al 24', quando sfiora il palo con il destro a giro dal limite dopo una bella combinazine tra Balic e Nicolussi, sparisce un po' dal match nella ripresa e al 57' con un suo errore innesca un pericoloso contropiede. Oddo lo tiene comunque in campo come ala nel 4-2-4 ed è lui nel finale a pennellare dalla bandierina del corner il cross su cui Carraro colpisce la traversa (84'). 

IEMMELLO 6,5 Fa da spettatore abbondante per oltre un'ora, poco servito dai compagni ma anche troppo statico, e al 58' si perde Ceravolo che su azione da corner colpisce di testa il palo esterno. Si sveglia però al 65', quando riceve palla da Nicolussi Caviglia e danza al limite dell'area per poi superare Agazzi. Il suo 13esimo gol in campionato lo 'accende' ed è di nuovo pericoloso su assist di Balic (74') prima di innescare Buonaiuto che però non inquadra la porta (79'). L'ultimo tentativo all'86', quando però calcia alto dal limite.

ALL. ODDO 5,5 Rimodella il suo 4-3-2-1 con Falzerano al posto di Buonaiuto, ma la mossa non funziona in un primo tempo comunque ben giocato dal suo Grifo. Come nel primo tempo contro il Cosenza, la squadra mostra progressi sul piano del gioco nonostante il gol incassato al 13' e una Cremonese di conseguenza rintanata e chiusa. Nella ripresa torna alle tre punte e arriva il pari, il suo Perugia continua ad attaccare ma lascia spazi alle ripartenze dei lombardi soprattutto dalla parte del già ammonito Di Chiara che lui sostituisce scatenandone l'ira: un cambio poco fortunato perché il nuovo entrato Nzita viene subito sovrastato da Piccolo che fa 2-1. Nel finale va all'arrembaggio con il 4-2-4 ma le speranze di pareggio si infrangono sulla traversa colpita da Carraro e quando nel reupero l'arbitro lo espelle, lui chiede a lungo ma invano spiegazioni perdendo secondi preziosi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Boato nella notte, salta in aria la vetrina del negozio di Acqua&Sapone di Madonna Alta

  • Carrefour sbarca in Umbria: ecco quanti saranno i punti vendita

  • Pranzo della Comunione per 60 persone, ma nessuno paga il conto: nonno sotto processo

  • Schianto in galleria: grave una mamma, ferite lievi per i figli che viaggiavano con lei

  • Umbria, dal fiume Nera riemerge un cadavere: indagini in corso

  • Schianto tra una moto e una bicicletta: ciclista muore in ospedale

Torna su
PerugiaToday è in caricamento