Perugia-Carpi, le pagelle: valanga biancorossa, Di Carmine è il più forte dei suoi

Il bomber perugino regala una doppietta e un assist vincente al pubblico del Curi. Benissimo anche il centrocampo, poco operosa la difesa contro un Carpi ombra di se stesso

Un Perugia irriconoscibile è andato giù pesante contro un Carpi, invece all'opposto, non pervenuto in campo. La squadra di mister Breda è sembrata inarrestabile ed i non tiri in porta didomenica scorsa si sono trasformati in una valanga di reti. Ben 5, le prime fatte in meno di 10 minuti dal via, ed un gruppo che sembra aver ritrovato la propria serenità. Davvero una metamorfosi da far stroppicciare gli occhi. 

ROSATI: Per lui l'unico compito è quello di esultare insieme ai suoi compagni in occasione dei gol. Per il resto si impegna sul penalty del Carpi ma Malcore manda sul legno. Una sola uscita per lui e poi del tutto inoperoso. Voto: 6

PAJAC: Tiene benissimo botta alle incursioni del Carpi e si fa vedere in avanti con assist e aperture per i suoi compagni. Un aiuto fondamentale per gli attaccanti sempre serviti con ottimi palloni. Voto: 6,5

VOLTA: Ha davvero poco da fare nel corso della gara. Il Carpi non lo impegna mai e quando è chiamato al dovere svolge il suo lavoro senza problemni. Voto: 6,5

MONACO: Spegne sul nascere qualsiasi velleità degli emiliani. Fa buona guardia e da sicurezza a tutti i suoi compagni. molto bene anche lui. Voto: 6,5

BELMONTE: Torna a monovrare come terzino al posto di zanon e la scelta è più che azzeccata. Difende benissimo pur rimanendo bloccato e non partecipando quasi mai alle offensive biancorosse. Voto: 6,5

BRIGHI: Si vede poco ma il suo è un lavoro oscuren che mira alla costruzione della manovra perugina. Chiude le vie alle sortite del Carpi e redendosi particolarmente utile in fase di interdizione. Voto: 6,5 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Senato assume personale, il concorso: primo stipendio da 1.726 euro al mese

  • Umbria, tragico schianto in moto: Francesco muore nell'incidente

  • Quando Cicciolina girava per il centro di Perugia mostrando le sue grazie ai passanti

  • Family Day Perugia, il cattolico Fora non firma il manifesto e accusa: "Chi sta con Salvini non può dirsi cristiano"

  • Quando Bob Dylan, a Perugia, perse l’amore

  • Tragedia nel bosco, muore cacciatore: inutili i soccorsi

Torna su
PerugiaToday è in caricamento