Serie B, Empoli-Perugia: le probabili formazioni e dove seguirla in diretta. Oddo: "Loro favoriti"

Alla vigilia della sfida del 'Castellani' contro i toscani dell'ex biancorosso Bucchi il tecnico indica la strada ai grifoni: "Sarà una gara diversa da quella vinta con il Frosinone, voglio testa e umiltà". Rientra Sgarbi, scalpitano Kouan e Melchiorri mentre l'arbitro sarà Fourneau di Roma 1

Non c'è tempo per respirare, né per godersi troppo la convincente vittoria sul Frosinone perché il Perugia è già chiamato ad affrontare la terza gara in sette giorni dopo quella pareggiata 2-2 sabato scorso alla Spezia e il 3-1 rifilato nel turno infrasettimanale ai ciociari di Alessandro Nesta sul rigenerato prato del Curi. E sulla strada dei grifoni ci sarà un altro grande ex come Cristian Bucchi, ora alla guida dell'Empoli incoronato da tutti gli addetti ai lavori in estate come una delle grandi favorite del torneo di Serie B. E alla vigilia della sfida del 'Castellani' (sabato 28 settembre ore 18, diretta tv su Dazn e diretta testuale su perugiatoday.it) è Massimo Oddo a indicare la strada al suo Grifo: “Mi aspetto un Empoli aggressivo che vorrà fare la partita giocando in casa – ha detto il tecnico biancorosso alla vigilia del match -. Sono le stesse cose che vogliamo fare noi e vediamo chi avrà la meglio. Sarà una partita completamente diversa rispetto a quella con il Frosinone ma incontrare una squadra forte secondo me è un vantaggio, non c’è bisogno di andare a ricercare motivazioni. Giocare con Empoli, Chievo o Crotone non mi spaventa, fanno più paura altre squadre perché in movimenti positivi ci si sente superiori. E la paura a volte è preziosa, perché ti porta ad essere concentrato e convinto di ciò che fai. È nella natura umana. Per questo mi aspetto un Perugia maturo, la cui consapevolezza dei propri mezzi non deve però sfociare in presunzione. Bisogna fare ciò che sappiamo ed evitare tutti gli errori commessi fino ad oggi. Scendiamo in campo convinti dei nostri mezzi, con umiltà e coraggio, con dedizione per le cose provate e la testa giusta. Posso immaginare la partita che sarà ma non sempre poi le cose vanno come uno le ha pensate, sarà quindi fondamentale sapersi adattare a ciò che succederà in campo”. 

SI CAMBIA ANCORA - E come successo sempre nelle ultime gare Oddo farà altre rotazioni: “Le mie scelte sono sempre per il bene della squadra, anche quelle che possono sembrare rischiose. Ricordo la Juve di Conte il primo anno: c'era chi faceva doppietta e stava in panchina la domenica dopo. Mica Conte è pazzo. Non ho paura di prendere le critiche e ognuno avrà le proprie chances se in allenamento dimostra che posso contare su di lui. Si volta in volta scelgo coloro che ritengo i migliori per quella partita e come avete visto non mi spaventa far giocare Falasco anche se era rimasto sempre fuori, mi assumo le mie responsabilità e non metto in campo nessuno per dargli un contentino. Allo stesso modo ad esempio dico che Rodin al momento è indietro tatticamente e non è pronto”. Da capire se dopo aver dato un turno di riposo sia a Iemmello (a La Spezia con tanto di sfogo a fine match da parte di un 'Re Pietro' scontento per l'esclusione) sia Falcinelli (contro il Frosinone), Oddo tornerà a schierare due prime punte con un trequartista alle spalle o insisterà sulla formula delle due ultime apparizioni, con un due fantasisti alle spalle di un unico terminale offensivo. Difficile prevedere una nuova rinuncia a Iemmello, autore di una doppietta nell'ultimo match, ma non è da escludere la possibilità di rivedere Falcinelli 'pivot' come a La Spezia dove in avvio era stato bravo ad aprire gli spazi per Buonaiuto e Capone. E se il primo è in ballottaggio con Fernandes (anche nel caso di 4-3-1-2), il secondo deve guardarsi invece le spalle da Melchiorri che a detta di Oddo scalpita (“Federico sta bene” ha detto in conferenza) e aspetta ancora di avere una chance da titolare in campionato. Nella mediana a tre potrebbe tirare il fiato Carraro per dare spazio a Balic in cabina di regia, mentre Kouan è in forma e in grande condizione psicologica dopo il gol a Frosinone e si candida per una maglia da titolare (per caratteristiche più quella di Falzerano che quella di Dragomir). In difesa infine ha recuperato a pieno Sgarbi, che aveva iniziato in panchina la gara di Frosinone per un affaticamento e dovrebbe riprendersi il posto che aveva lasciato a Falasco.

Empoli-Perugia ( sabato 28 settembre ore 18)

EMPOLI (4-3-1-2): Brignoli; Veseli, Romagnoli, Maietta, Balkovec; Bandinelli, Stulac, Frattesi; Dezi; La Gumina, Mancuso. All. Cristian Bucchi

PERUGIA (4-3-1-2): Vicario; Rosi, Gyomber, Sgarbi, Di Chiara; Kouan, Balic, Dragomir; Buonaiuto; Falcinelli, Iemmello. All. Massimo Oddo

ARBITRO: Forneau di Roma 1

TV: Dazn

WEB: perugiatoday.it

LE PAROLE DI BUCCHI - Alla vigilia della sfida del 'Castellani' ha parlato anche Cristian Bucchi, tecnico dell'Empoli e terzo ex grifone che capita sulla strada del Grifo in poche settimane dopo Roberto Breda (battuto 1-0 a Livorno) e Alessandro Nesta (caduto per 3-1 al Curi con il suo Frosinone): “Perugia è stata importantissima per me, sia da calciatore che da allenatore e ci sono molto legato - ha detto Bucchi -. Lì ho vissuto momenti importantissimi della mia vita e ho un buon rapporto con il presidente Santopadre e con i direttori Goretti e Pizzimenti. Il Perugia è stato costruito per lottarsela fino alla fine come noi e sarà una  partita tosta e difficile, contro una squadra aggressiva e in salute che gioca un buon calcio. Si sfideranno due squadre che vogliono dominare il gioco e vediamo chi riuscirà a farlo. Al di là degli avversari però noi dobbiamo pensare a noi e al nostro percorso di crescita, sono contento della compattezza del gruppo e penso che siamo sulla buona strada. Il successo nel derby di Pisa ci ha dato grande entusiasmo ma ai ragazzi dico che non abbiamo fatto niente e voglio vedere una squadra cattiva e umile. Fisicamente stiamo bene e lo abbiamo dimostrato nell'ultimo match, in cui siamo venuti fuori alla distanza. Personalmente poi io giocherei sempre ogni tre giorni, perché la partita è il migliore allenamento e la dispersione di energie avviene durante la settimana”.

ARBITRO ROMANO - Per arbitrare Empoli-Perugia (sabato 28 settembre ore 18, diretta tv su Dazn e diretta testuale su perugiatoday.it) è stato intanto designato Francesco Fourneau di Roma 1 insieme agli assistenti Orlando Pagnotta di Nocera Inferiore e Pietro Dei Giudici di Latina (il quarto ufficiale sarà invece Davide Moriconi di Roma 2). Con il fischietto capitolino sono due i precedenti del Grifo e il bilancio è decisamente negativo: il primo incrocio è della stagione 2017/18, quando il Perugia perse 3-0 al Curi contro il Cesena e venne esonerato Federico Giunti, il secondo è invece del campionato scorso nella sconfitta per 4-1 a Palermo. La Lega di B ha intanto comunicato il programma dalla nona alla 12esima giornata, questi gli impegni del Grifo: Salernitana-Perugia (sabato 26 ottobre ore 15); Perugia-Ascoli (martedì 29 ottobre ore 21); Crotone-Perugia (sabato 2 novembre ore 15); Perugia-Cittadella (sabato 9 novembre ore 15).

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Senato assume personale, il concorso: primo stipendio da 1.726 euro al mese

  • Umbria, tragico schianto in moto: Francesco muore nell'incidente

  • Family Day Perugia, il cattolico Fora non firma il manifesto e accusa: "Chi sta con Salvini non può dirsi cristiano"

  • Quando Bob Dylan, a Perugia, perse l’amore

  • LA VIGNETTA di Giuseppe Pellegrini. Il Frecciarossa parte seconda: l'orario infernale!

  • Tragedia nel bosco, muore cacciatore: inutili i soccorsi

Torna su
PerugiaToday è in caricamento