Probabili formazioni Verona Gubbio | out Graffiedi

Mister Mandorlini ritrova il giocatore islandese Hallfredsson ed ha la rosa al completo. Gubbio con Ragatzu, Ciofani e Guzman ma tanti gli infortuni. Simoni: siamo pronti

Nella fatale Verona arriva un Gubbio che si sente doppiamente ferito: dallo stato di crisi della classifica e dal telegiornali nazionali che hanno macchiato per via del caso Goracci una città che è e resta democratica e plurale. Di Zar non se ne è mai sentito il bisogno. E tanta rabbia in corpo mistero Simoni la vuole sprigionare con un insolito 4-3-3. Un modulo offensivo che sembra contrastare con una trasferta contro una squadra che fa parte del gotha del calcio. 
 
Ma in realtà quel 4-3-3 secondo Mister Simoni deve essere talmente flessibile da diventare per gran parte della partita in 4-4-1, per ritornare offensivo solo con le ripartenze in caso di possesso prolungato di palla. Non a caso per via delle assenze (Graffiedi, Bazzoffia, Mastronunzio) il reparto offensivo in realtà è dotato di un solo puntero (Ragatzu, in forma ma non troppo) e po dagli ultimi arrivati Guzman e Ciofani. Centrocampo a tre: Nwankwo, Boisfer, Sandreani. In difesa: a destra Benedetti, a sinistra Rui con i centrali Briganti e Cottafava. In porta Donnarumma.
 
QUI GUBBIO "Il Verona lo conosciamo - prosegue Simoni - perché dallo scorso anno ha cambiato poco, ha una sua fisionomia ben delineata e un rendimento costante che gli ha permesso di scalare la classifica. Ci troveremo davanti una squadra che ha qualità, prestanza fisica ed esperienza, e i numeri dicono che in casa fa molto bene. Noi però contro le cosiddette 'grandi' abbiamo sempre fatto buone prestazioni, l'auspicio quindi è che anche in questo caso i ragazzi possano disputare una buona partita per portare a casa il risultato. In settimana abbiamo lavorato bene trovando la giusta concentrazione, e quando vedi questo tipo di risposte da parte dei ragazzi capisci che i sacrifici del ritiro sono necessari perché permettono di lavorare nel migliore dei modi". Simoni poi analizza la questione degli infortuni: "Purtroppo non possiamo avere a disposizione Graffiedi e Bazzoffia, che per noi sono due elementi molto importanti. La voglia di schierarli sarebbe tanta, ma non possiamo rischiare di avere delle ricadute, basti pensare proprio a Bazzoffia che lo scorso anno rimase fuori oltre quattro mesi per questo motivo. Inoltre non abbiamo nemmeno Mastronunzio e Bartolucci, però chi andrà in campo sarà pronto a fare la sua parte".
 
QUI VERONA
Andrea Mandorlini ha convocato 24 giocatori per la 28a giornata di Serie bwin, in programma domani alle 15 allo stadio "Bentegodi". La probabile formazione (4-3-1-2) Rafael; Abbate, Ceccarelli, Maietta, Scaglia; Tachtsidis, Russo, Hallfredsson; Jorginho; Ferrari, Gomez. All. Mandorlini 
 
GUBBIO (4-3-3): Donnarumma; Briganti, Cottafava, Benedetti, Mario Rui; Boisfer, Nwankwo, Sandreani; Guzman, Ciofani, Ragatzu. A disp: Farabbi, Almici, Caracciolo, Buchel, Gerbo, Raggio Garibaldi, Lofquist. Allenatore: Simoni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Umbria, dramma in casa: uccide moglie e figlia e poi si toglie la vita

  • L'Umbria in tv, Linea Verde alla scoperta delle nostre meraviglie: quando vedere la puntata

  • Spray urticante nei corridoi del Pieralli, nove ragazzi in ospedale per lesioni

  • Maltempo, il Comune di Perugia tiene chiuse scuole e Università: ordinanza del sindaco

  • Volley, il centrale della Sir Safety operato all'ospedale di Perugia: il bollettino medico

  • Truffa del gratuito patrocinio, bufera su alcuni avvocati perugini

Torna su
PerugiaToday è in caricamento