Frosinone-Perugia, il ritorno. Camplone non ha dubbi: "Troveremo le contromisure"

Il tecnico del Grifo è pronto, ma deve fare i conti con le assenze: "Veniamo da tre vittorie e non dobbiamo perdere questo passo: voglio andare a fare punti"

Non c’è un attimo di tregua, non un secondo di tempo per godersi i tre successi di fila e l’aggancio alla zona playoff. Il Perugia è di nuovo al lavoro: domani si torna subito in scena, al ‘Matusa’ di Frosinone, contro una squadra che in quest’ultimo anno e mezzo è stata croce e delizia per i biancorossi.

Sul fronte indisponibili, dopo un turno favorevole mister Camplone deve nuovamente fare i conti con gli infortunati: “Fazzi non si è ripreso, Mantovani non è ancora al massimo e Lanzafame rimane a casa perché ha avuto un attacco influenzale. Crescenzi sta meglio e lo portiamo con noi”.

I ciociari non rappresentano certo un mistero per il tecnico dei Grifoni: “Li conosciamo benissimo. Sono una squadra fisica che ultimamente sta giocando un buon calcio. I quattro davanti sono da temere, in particolare Ciofani. In casa sono aggressivi, cattivi, dovremo essere pronti a ogni evenienza. Veniamo da tre vittorie e non dobbiamo perdere questo passo: voglio andare a fare punti anche a Frosinone”.

Tre partite in una settimana, il turnover pare inevitabile: “Ad oggi alcuni giocatori non hanno ancora recuperato dalla partita di sabato, sicuramente qualcosa modificherò, ma deciderò domani dopo la rifinitura. Il campionato è lungo e ho bisogno di tutti: non vorrei arrivare a disputare delle partite in cui siamo con l’acqua alla gola ed essere costretto a mettere giocatori che non hanno minutaggio”.

“Fossati – prosegue Camplone – è ancora un po’ acciaccato e devo scegliere: o lo rischio con il Frosinone o lo tengo per la partita in casa, anche perché c’è Taddei che scalpita. Fabinho? Ha recuperato, aveva avuto solo problemi di crampi. A sinistra siamo contati e loro sulle fasce spingono molto: potrei decidere di metterci proprio Fabinho, ma sta facendo molto bene come punta, sarebbe un peccato spostarlo”.

Il tecnico perugino sa che quello di domani sarà un crocevia importante per la stagione: “È una partita molto delicata, ma se entriamo con la mentalità giusta possiamo fare bene. Sicuramente dovrò mettere in campo una squadra che non perda la testa e che sia in grado di ribattere colpo su colpo. In questo momento è difficile trovare un punto debole al Frosinone: loro in casa hanno perso una sola volta, sono un gruppo che si fa sentire. Noi però andremo a fare la nostra partita, credo che l’unico modo per metterli in difficoltà sarà prenderli in velocità, abbiamo le qualità per farlo”. Capitolo porta: “Abbiamo tre ottimi portieri, che si stanno allenando bene. All’inizio ha giocato di più Provedel, ora sta giocando Koprivec. Non è detto che le cose non possano cambiare in futuro, anche se credo che in questo momento abbiamo trovato la quadratura giusta”.

Il Grifo è in crescita, ma ci sono ancora margini di miglioramento: “Visti i 20-25 minuti del secondo tempo contro lo Spezia, direi che dobbiamo migliorare nella gestione. Non si possono rovinare partite giocate bene per più di un’ora: quando sono rimasti in 10 ci siamo un po’ seduti e per poco non ci pareggiavano. Gli ho urlato diverse volte di andare a pressarli alti, di sfruttare la superiorità numerica, di non farli ragionare. Invece no, li abbiamo lasciati giocare e per poco non ci segnavano. Questo non va bene, mi sono sgolato perché eravamo troppo lunghi. Un’altra cosa da perfezionare è il possesso palla, contro il Frosinone sarà un aspetto decisivo”.

Per domani sera si prevede pioggia e terreno di gioco allentato, ma Camplone non cerca scuse: “Le condizioni del campo non mi preoccupano, semmai mi preoccupa la mancanza di Hegazy, uno con la sua stazza avrebbe fatto comodo contro una squadra come il Frosinone. Comunque ci sarà Comotto e sono convinto che troveremo le giuste contromisure”. 

Potrebbe interessarti

  • "Il paradiso delle signore", l'attore umbro Giordano Petri nella nuova stagione della fiction di Rai Uno

  • Laghi dell'Umbria, quelli balneabili e quelli dove godersi la natura

  • Sigaretta addio: come smettere di fumare e perché conviene farlo

  • Infarto, quando si presenta e come intervenire

I più letti della settimana

  • Concorsone del Mibac, 1052 assunzioni a tempo indeterminato: le materie d'esame, i requisiti e come fare domanda

  • Tragedia in vacanza, umbro muore in spiaggia a San Benedetto del Tronto

  • Il Ministero dei Beni Culturali assume, 1052 posti di lavoro: il bando del concorsone

  • Caos graduatorie, il ministero dell'Istruzione: "Problemi solo per la Primaria, per la Secondaria ruoli assegnati"

  • Perugia, tragedia lungo la strada: inutili i soccorsi, muore a 48 anni

  • Travolta da un'onda e sbattuta contro lo scoglio: Sofia muore a 22 anni

Torna su
PerugiaToday è in caricamento