Gubbio, "la maledizione del punticino". Arriva il terzo pari di fila: a Lucca è 1-1

Rimpianti e sofferenze per i rossoblù. Regolanti porta in vantaggio gli umbri, Forte chiude tutto su rigore. E tra una settimana big match con il Pisa

Ancora un segno “X” nel tabellino del Gubbio: dopo i due pareggi casalinghi con Grosseto e L’Aquila, i ragazzi di Acori vengono fermati sull’1-1 al “Porta Elisa” da una buona Lucchese.

Partita che comincia bene per i padroni di casa i quali cercano di sfruttare la striscia positiva di sette giornate senza sconfitte rendendosi pericolosi al 2’: Ferretti riceve l’assist di testa di Forte e prova a battere Iannarilli in uscita, ma quest’ultimo è bravo a non farsi sorprendere. Passano 6 minuti e i rossoneri creano un’altra palla gol: cross dalla sinistra di Chianese, Raicevic spizza di testa e Ferretti arriva alla conclusione all’altezza della linea di fondo, con Iannarilli ancora attento a bloccare. Quello dei toscani è però un vero assedio: minuto numero 9, Forte calcia dal limite di sinistro, la sfera termina di poco a lato. A metà primo tempo tocca ancora all’imponente Raicevic cercare il vantaggio di testa, ma il tentativo non trova lo specchio della porta.

Il Gubbio, che a esclusione di una punizione velenosa di Loviso era stato del tutto inoffensivo, passa a sorpresa in vantaggio al 26’: D’Anna vince il contrasto con Forte sulla trequarti avversaria, il pallone finisce sui piedi di Regolanti che è bravissimo a controllarlo e a scagliarlo in fondo al sacco. Settima marcatura stagionale per il ragazzo di proprietà del Frosinone, autore di una bellissima segnatura, favorita dalla scarsa reattività del portiere Di Masi.

La Lucchese reagisce in maniera rabbiosa: Nolè mette un traversone per Raicevic che controlla in area, ma il suo tiro viene disturbato da Manganelli e Iannarilli para con facilità. Al 38’ sono ancora le Pantere ad attaccare con Ferretti che cerca il tiro a giro di sinistro: l’estremo difensore dei Lupi blocca in due tempi. Al 42’ l’episodio più discusso del match: mischia in area eugubina, il pallone arriva sui piedi di Raicevic che cade a terra dopo un leggero contatto con Luciani. Per l’arbitro Maggiani è rigore: molti i dubbi sulla decisione del direttore di gara, tenuto conto che l’intervento del difensore del Gubbio sembrava essere sul pallone. Dal dischetto va Forte che di sinistro non lascia scampo a Iannarilli: 1-1.

Nella ripresa gli umbri provano ad essere più propositivi, specialmente con il neo entrato Domini che cerca un bel destro a giro che termina di poco sopra la traversa. Al 54’ arriva la risposta della Lucchese: punizione da oltre 20 metri di Lo Sicco che esce di poco a lato, con Iannarilli che sembrava essere sulla traiettoria.

Passano 3 minuti ed ecco che il Gubbio sfiora il 2-1. Calcio piazzato defilato sulla sinistra: della battuta si incarica il solito Loviso che sorprende Masi calciando sul palo del portiere, ma la palla si infrange sul legno e torna in gioco. Non c’è tempo per le recriminazioni perché dall’altra parte i toscani divorano l’opportunità del sorpasso: cross di Ferretti a cercare Forte che da due passi prova in qualche modo a schiacciare in porta, ma Iannarrilli con un guizzo salva il risultato di parità.

L’ultimo quarto d’ora si trasforma in una sofferenza per i rossoblù. Al 79’ tiro potentissimo di sinistro di Ferrante, da poco subentrato a Chianese: per fortuna degli ospiti la traiettoria non sorprende il portiere eugubino. Quattro minuti e Lucchese che va ancora una volta vicina a ribaltare il risultato: Santini si accentra dalla sinistra e lascia andare un fendente che costringe agli straordinari Iannarilli.

L’ultimo brivido della partita all’87’ con Calcagni che trova Raicevic in area, ma il colpo di testa del montenegrino finisce sul fondo. Finisce 1-1: il Gubbio guadagna un altro punto e sale a quota 29, con il distacco dalla zona playoff che diventa di 5 punti, in attesa che le altre squadre giochino tra oggi e domani.

Acori dovrà cercare di vedere in cosa la propria squadra può migliorare, anche perché tra una settimana sarà tempo di big match: al “Barbetti” arriverà infatti il Pisa di Piero Braglia, formazione che rifilò un sonoro 3-1 ai rossoblù nel girone di andata.

LUCCHESE-GUBBIO 1-1 (1-1)

LUCCHESE (4-2-3-1): Di Masi; Calcagni, Espeche, Risaliti, Nolè; Lo Sicco, Degeri (43’st Pizza); Chianese (34’st Ferrante), Raicevic, Ferretti (27’st Santini); Forte. A disp.: Pazzagli, Dejori, Santeramo, Strizzolo. All.: Giuseppe Galderisi.

GUBBIO (4-1-4-1): Iannarilli; Luciani, Manganelli, Lasicki, D’Anna; Loviso; Mancosu (1’st Domini), Guerri, Casiraghi (40’st Galuppo), Marchionni (46’st Cais); Regolanti. A disp.: Citti, Rosato, Esposito, Vettraino. All.: Leonardo Acori.

ARBITRO: Maggioni di Como (Assistenti: Colizzi – Guglielmi di Albano Laziale)

MARCATORI: 26’pt Regolanti (G); 43’pt Forte su rig. (L)

NOTE – Ammoniti: 6’pt Loviso (G), 42’pt Luciani (G); 11’st Espeche (L), 22’st Lasicki (G), 42’st Risaliti (L). Recupero: 1’; 3’. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nessuno vuole più indossare la toga? Esame da avvocato, domande al minimo storico

  • Muore a 39 anni schiacciato dal trattore, inutili i soccorsi

  • Ricerche sul monte Serrasanta a Gualdo Tadino, trovato il corpo del 40nne

  • Il Comune di Perugia assume personale, il bando e la scadenza

  • Umbria, colpito da infarto in banca: infermiere e vigile del fuoco fuori servizio gli salvano la vita

  • Cadavere in un canale, sul posto Carabinieri e Vigili del fuoco

Torna su
PerugiaToday è in caricamento