Serie B - Grifo, Rosi si presenta: "A Perugia per dare il mio contributo"

Il neo grifone si presenta al pubblico biancorosso: "Non ho mai snobbato questa piazza. Spero adesso di poter trasmettere ai ragazzi voglia, sacrificio e determinazione". E su Nesta: "Determinante la sua presenza per il mio si"

Alla fine Aleandro Rosi è diventato un giocatore del Perugia. Dopo mesi ad inizio settimana il calciatore ha deciso di abbracciare la causa biancorossa. Un tira e molla che a molti tifosi non è andato giù ma è stato lo stesso Rosi in sede di presentazione a chiarire tutta la situazione. "Con la società ci siamo cominciati a seguire da novembre ma alcuni problemi familiari non mi hanno permesso di decidere subito" ha detto "A fine mercato poi c'erano concrete possibilità per la serie A e non me la sono sentita di escluderle a priori. Con questo non voglio dire che abbia snobbato il Perugia. Anzi. Questa squadra ha un grande blasone e sono molto felice di essere qui". 

Serie B. Dopo tanta massima serie ed un lungo periodo di inattività Rosi è pronto a calarsi in questa nuova esperienza. "Nella vita niente è facile e non lo sarà neanche giocare in questo campionato a cui non sono abituato. Cercherò di mettermi in discussione entrando con umiltà e giocando con la voglia di un ragazzo e l'esperienza che ho conquistato durante la mia carriera" ha proseguito "Ho firmato per due anni e mezzo perchè credo fortemente in questo progetto e perchè voglio tornare in A il prima possibile".

Condizione. Intorno al suo nome si sono fatte molte considerazioni sulla questione se fosse già pronto o meno a dare una mano al Perugia. Di certo il fatto di non giocare da molto non lo ha certo aiutato. "Sono più di sei mesi che mi sto allenando da solo facendo anche alcune maratone. Sono carico e non vedo l'ora di dare il mio contributo in campo. Il mio ruolo? Sono un esterno e predligo la fascia destra. Mi piace correre sulla corsia e se possibile anche andare in porta".

Nesta. Alla notizia della firma di Rosi al Perugia sono arrivati anche gli in bocca al lupo di Totti. "Francesco è la storia della Nazionale  e sono contento che mi abbia incoraggiato. Come lui però lo è Nesta e non vedo l'ora di ascoltare i suoi consigli. Non nego che la presenza del tecnico sia stata un grande stimolo per dire si. 

Squadra. Il Perugia ha fatto abbastanza bene in questa prima parte della stagione, vivendo tra alti e bassi. Che idee si è fatto Rosi della squadra? "Ho seguito il campionato soprattutto quando c'è stato il primo contatto tra me e la società. Posso dire che il Perugia gioca un bel calcio ma credo anche che più di quello fatto non si potesse fare. Anche per questo spero di portare tanta esperienza, voglia, sacrifici e risultati in campo e fuori". 

Palermo. Sabato per i biancorossi arriva un bell'esame. Al Curi, infatti, arriveranno i rosanero. Una compagine in netta difficoltà societaria ma pronta a non perdere punti. "Stiamo lavorando per preparare la gara senza caricarla troppo, come se fosse un sabato normale. Io vorrei essere dei ragazzi ma deciderà il mister" ha concluso il neo grifone. 

Potrebbe interessarti

  • Occhio ai falsi amici della dieta: i cibi insospettabili che non fanno dimagrire

  • Casa in disordine, addio: ecco le tecniche per imparare a mantenere tutto a posto

  • La passione per il vino porta David e Victoria Beckham in Umbria

  • Grande Fratello 2019, la vincitrice Martina Nasoni: "Dovrò operarmi di nuovo al cuore"

I più letti della settimana

  • Perugia, trovato morto in casa con la gola tagliata: indagini in corso

  • Maltempo in provincia di Perugia, alberi in fiamme, tante cadute, incendi boschivi: i comuni più colpiti

  • Umbria, trovato cadavere in un campo: indaga la polizia scientifica

  • Tragico incidente a Castiglione del Lago, schianto tra una moto e un camion: Luca muore a 37 anni

  • Nomine & Poltrone - Concorso per presidi, ecco i nomi dei 37 nuovi dirigenti scolastici in Umbria

  • Terremoti, il sismologo Padre Martino in Cina: "Fratture di faglie conseguenti a trivellazioni e nucleare"

Torna su
PerugiaToday è in caricamento