Perugia-Spezia 0-3, Cosmi amaro: "Il Curi non è il percorso verde, abbiamo fatto jogging..."

Il tecnico sincero dopo la partita: "Sconfitta meritata contro una squadra forte, però mi aspettavo un altro atteggiamento da parte della squadra: io ho imparato la lezione, spero che la squadra faccia altrettanto. I nuovi arrivati? Se non girano gli altri è dura anche per loro..."

È un Serse Cosmi ancora alle prese con i postumi della febbre e dell'influenza quello che si presenta tossendo in sala stampa dopo la batosta rimediata al Curi dal suo Perugia contro lo Spezia, capace di vincere 3-0 e raccogliere così il decimo risultato utile consecutivo: "Purtroppo questa è una partita facile da commentare - ha detto il tecnico del Grifo -. Se c'è una qualità che non mi manca è l'obiettività e dico oggi che ha vinto la squadra che meritava e anche il punteggio non esagerato se vediamo le occasioni create e la personalità messa in campo dallo Spezia. Le sconfitte sono tutte amare, ma se perdi con una squadra che gioca nettamente meglio di te e dimostra tante qualità resta meno amaro in bocca anche se ci dispiace di aver perso in casa, perché ci eravamo ripromessi con il presidente e con la squadra di tornare a far diventare il Curi un posto difficile per gli avversari. Questo purtroppo oggi non è successo, lo Spezia ha subito interpretato bene la partita fin dall'inizio con le loro qualità mentre noi non ne abbiamo messa in campo nessuna di quelle che abbiamo. Ne è uscita fuori una partita impari e abbiamo cercato di chiudere il primo tempo sullo 0-0, in modo da poter trovare nuove soluzioni nell'intervallo, invece abbiamo preso gol sul rigore e nella ripresa la reazione è stata timida e il loro secondo gol ha chiuso in pratica la partita”.

Perugia-Spezia 0-3, le PAGELLE del Grifo: non basta Angella. E Falcinelli...

LEZIONE DA IMPARARE - Al di là della forza dell'avversario però, Cosmi ha qualche rammarico per la prestazione offerta dal suo Perugia: “Mi aspettavo che la squadra stesse in campo in un altro modo contro un avversario forte e in una gara difficile, mentre ad altre squadre vincere fa bene e dà morale a noi non ha fatto questo effetto il successo di Castellammare di Stabia. Non dico che bisogna ricominciare daccapo, non tutto è da buttare ma con questa prestazione è inevitabile che anche i nuovi come Rajkovic e Greco sono stati messi alla berlina. Una giornata da dimenticare? Io non dimentico, a me questa lezione è servita e mi auguro che sia servita anche alla squadra. Dobbiamo ripartire e ricordare le armi che ci avevano permesso di battere Livorno e Juve Stabia: corsa, aggressività ed entusiasmo. Senza queste qualità le squadre perdono. Detto questo poi, se lo Spezia gioca sempre come oggi senza sbagliare niente è la candidata numero uno per la Serie A diretta”. Dopo la conferenza stanmpa, Cosmi ha rincarato la dose ai microfoni di Tef Channel: "Oggi dal Curi ci siamo spostati al percorso verde, abbiamo fatto jogging e questo non va bene. Se qualcuno si accontenta dopo due partite vinti non va bene, io non mi accontento perché per me vincere deve essere a la normalità qui a Perugia".

GRIFONERIE Il 3-5-2 di Cosmi è offensivo o difensivo? Tutto dipenderà da Greco...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la Regione conferma un caso sospetto in Umbria, una persona in isolamento

  • Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere: sintomi, contagio, la malattia e la prevenzione

  • Coronavirus, caso sospetto donna ricoverata in isolamento a Perugia: i risultati del primo test

  • Coronavirus, sospetto contagio in Umbria: donna in isolamento all'Ospedale di Perugia, i risultati tra 24 ore

  • Coronavirus, l'Asl di Lodi segnala la presenza di una donna a rischio in Altotevere: "Non ha sintomi, ed ha lasciato l'Umbria"

  • Artemisia, la bimba umbra dai lunghi capelli rossi, è già una star: dalle super griffe a Netflix

Torna su
PerugiaToday è in caricamento