Fase 2 e Sport, Coni e Provincia al lavoro: "Allo studio un protocollo per i nostri impianti"

Il presidente Bacchetta ha incontrato Ignozza e Tassi, numeri uno del Coni e del Cip dell'Umbria: "Dobbiamo tutelare i praticanti e la salute pubblica: impresa, difficile, serve cautela"

Con la Fase 2 dell'emergenza coronavirus che entra nel vivo, come dimostra la prossima riapertura di bar e ristoranti da lunedì prossimo (18 maggio), anche il mondo dello sport si organizza in vista di una ripartenza all'insegna della sicurezza. Ecco così cje Luciano Bacchetta, presidente della Provincia di Perugia, si è confrontato con Domenico Ignozza (presidente del Coni Umbria) e Giuanluca Tassi (Presidente del Comitato Paralimpico Umbria) per definire modalità e tempistica, nel rispetto delle restrizioni imposte dalla lotta al Covid-19, per l’utilizzo da parte delle società sportive delle varie discipline dei 40 impianti, tra palazzetti dello sport e palestre, di cui è proprietario l'ente.

Campione umbro riprende ad allenarsi: "Tornate a fare sport, ma rispettando le regole"

“Dobbiamo affrontare la non semplice esigenza di tutela salute pubblica e la legittima richiesta di coloro che praticano sport che vogliono tornare a svolgere le loro attività - ha sottolineato Bacchetta -. Bisogna mettere in campo un protocollo che tenti di conciliare entrambele esigenze. Un’impresa non semplice, molto complessa. Rischiamo infatti, se non ci coordiniamo bene con il Coni e le scuole, di non poter riattivare quei momenti ricreativi ai quali siamo abituati. Invece dobbiamo organizzarci per riprendere le attività sportive al meglio. Sarà importante anche conoscere le risorse che verranno destinate allo scopo. Penso alla sanificazione degli impianti e alla sicurezza delle strutture. Stiamo lavorando con il Coni e il Comitato paralimpico per raggiungere l’obiettivo”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus, gli ultras del Perugia contro la ripresa: "Vergognatevi farabutti"

L’obiettivo è comunque andare avanti: “Il presidente Bacchetta nel riceverci ha dimostrato grade sensibilità - ha dichiarato Ignozza - con la volontà di far ripartire mondo sportivo creando le più giuste condizioni per una ripresa in sicurezza. Le palestre sono frequentate in prevalenza dai giovani ai quali, come ha sottolineato il presidente della Provincia, dobbiamo garantire la massima garanzia per la salute. Per questo occorre mettere in atto disposizioni perché le strutture possano essere fruite in tutta tranquillità. Non c’è necessità di grossi lavori alle infrastrutture, ma si devono adottare linee guida a cui tutti si devono attenere. Come ha suggerito Bacchetta sarà istituito un tavolo lavoro con tecnici della Provincia, Coni, Comitato paralimpico, ma soprattutto con le Federazioni degli sport che maggiormente usufruiscono di quegli spazi”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Umbria Jazz, colpo di scena: l'annuncio ufficiale, progetto per quattro concerti ad agosto

  • Covid-19, quattro positivi asintomatici da Brunello Cucinelli: "L'isolamento ha evitato la trasmissione del virus"

  • Coronavirus, bollettino regionale del 31 maggio 2020: zero contagi, 17 le persone ricoverate

  • Offerte di Lavoro per Perugia e provincia: addetti al supermercato, farmacisti, operai, autisti e baby-sitter

  • Ragazza sparita di casa a Terni e segnalata a 'Chi l'ha visto', arrestata per rissa in corso Vannucci

  • Test sieroprevalenza: battere il Coronavirus, ma la metà degli umbri chiamati non risponde all'appello della Croce rossa

Torna su
PerugiaToday è in caricamento