Perugia, la quarantena di Carraro tra Cosmi e mercato: "Le esclusioni mi hanno fatto bene. E a gennaio..."

Il centrocampista dell'Italia Under 21, di proprietà dell'Atalanta, a casa per l'emergenza coronavirus: "Alla ripresa non ci penso, ora penso più al nostro Paese"

Continua la carrellata sui grifoni in quarantena e dopo Cosmi, Falcinelli, Di Chiara, Melchiorri e Iemmello è la volta di Marco Carraro: "Si sta a casa ovviamente - spiega il 22enne mediano del Perugia, tornato in Umbria la scorsa estate in prestito dall'Atalanta -. Ci si allena facendo quel che si può e con le attrezzature che abbiamo a casa, tipo scatole e bottiglie per renderle simili ai pesi, e seguiamo i programmi che la società ci dà. Nel rispetto di tutta la gente non vado nemmeno più a correre all'aperto, sto con la ragazza e con il cane che porto solamente sullo spiazzo davanti a casa".

Falzerano a tutto campo: dall'esclusione al ritiro passando per Oddo, Cosmi e la 'tentazione' Benevento

L'emergenza coronavirus è ancora più sentita da chi come lui viene dal Nord, dalla veneta Dolo: "La situazione nel settentrione è ancora più critica, fortunatamente i miei familiari stanno bene ma sono segregati in casa col terrore di uscire". Ecco perché Carraro fatica anche solo a immaginare una ripresa, mentre il ritorno in campo per gli allenamenti  che era previsto per oggi (23 marzo) è stato posticipato dal Perugia a sabato 4 aprile: "Una ripresa la vedo lontana e sinceramente non ci sto pensando tanto, penso più al nostro Paese e spero che le cose possano andare meglio quanto prima. Nel frattempo bisogna rispettare le regole che ci vengono date, per tenere in sicurezza noi e gli altri".

Perugia, parla Iemmello: "È vero, c'era il Parma, ma certe critiche... Cosmi? È buono"

L'incertezza del futuro non impedisce però di esaminare il passato recente, suo e del Grifo: "All'inizio siamo partiti bene un po' tutti, poi ci sono venute a mancare delle certezze e gli alti e bassi hanno inevitabilmente coinvolto me come il resto della squadra. L'ultima vittoria contro la Salernitana però, arrivata dopo un periodo molto difficile, è stata molto importante soprattutto per il morale". Un successo arrivato dopo i giorni passati in 'clausura' a Cascia: "Il ritiro è il momento per stare insieme e fare ancora più gruppo, se non viene protratto per periodi troppo lunghi può essere utile come lo è stato a noi".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Continua a leggere l'articolo >>>

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Concorso pubblico, 2133 assunzioni a tempo pieno e indeterminato: il bando

  • Concorso per l'assunzione di 2133 funzionari della pubblica amministrazione: il bando

  • Umbria, tragedia a Terni: trovati morti a 15 e 16 anni, indagini in corso

  • Umbria, adolescenti trovati morti: uomo in carcere. Il cocktail micidiale di sciroppo e psicofarmaci

  • Umbria, Flavio e Gianluca morti dopo un mix di droghe: parlano i genitori

  • Omicidio Polizzi, la Cassazione scrive la parola fine: i Menenti tornano in carcere, Riccardo per sempre

Torna su
PerugiaToday è in caricamento