Coronavirus, il Perugia in quarantena si guarda allo specchio: 'mea culpa' di Cosmi e Falcinelli

Il tecnico ponteggiano: "Solo nel ritiro di Cascia sono riuscito a toccare le corde giuste. Cosa non rifarei? Le due gare con il 4-3-3". L'attaccante perugino: "Mi sono mancati gol e rendimento"

Come tutti gli italiani anche Serse Cosmi e i giocatori del Perugia, con il campionato di B sospeso come anche gli allenamenti, sono in quarantena. A renderla meno 'amara' la vittoria sulla Salernitana al 'Curi' nell'ultimo match giocato prima dello stop per l'emergenza coronavirus, che in questo momento è nei pensieri dei grifoni viene prima del calcio.

PARLA DIEGO - "C'è grande preoccupazione - spiega Diego Falcinelli in un'intervista rilasciata oggi ai quotidiani umbri - oltre che per noi anche per i nostri genitori e i nostri nonni e per questo bisogna essere tutti responsabili, rispettare le regole". Un 'ritiro' a tempo indeterminato e anomalo, che l'attaccante perugino cerca comunque di sfruttare per godersi la famiglia: "Poter passare più tempo con mia figlia è un privilegio e in questo momento penso anche ai miei compagni di squadra che sono soli e con la famiglia lontana, per loro è più dura". Il tempo poi non manca anche per riflettere sulle cose che nei mesi scorsi non sono andate e per cercare la carica giusta in vista di una ripresa che ci si augura arrivi il più presto possibile ma solo quando le condizioni saranno cambiare: "La salute, anche nostra e dei dirigenti, viene prima di tutto e spero che sulla ripresa degli allenamenti e delle partite si deciderà tenendone conto, altrimenti dovrà assumersene la responsabilità. Per quanto mi riguarda io sono pronto a rinunciare alle vacanze e a fare tutta una tirata fino all'estate. Chiudere il campionato con questa classifica e tante gare ancora da giocare non sarebbe giusto".

VIDEO Cornavirus, appello di Cosmi in perugino coi 7Cervelli: #steteachesa

MEA CULPA - E la speranza, quando si riprenderà, è quella di rivedere il Grifo cisto contro la Salernitana e un Falcinelli capace di trascinare i compagni: "Personalmente in questi mesi mi è mancato tutto, i gol quanto il rendimento. Ho pagato sia a livello fisico, perché nell'ultimo anno avevo giocato poche partite, sia a livello mentale con la fatica di riadattarmi alla Serie B. Il ruolo? Mi sento una seconda punta e non un centravanti, il mio attacco ideale è quello a due punte". A cambiare tutto è stato il ritiro di Cascia, che ha rigenerato il Perugia reduce da 5 ko di fila prima del match contro la Salernitana: "Giorni intensi, con il presidente e il direttore sempre vicini, e ci siamo tutti guardati in faccia, soprattutto i più esperti con i più giovani. Non sempre è facile trasmettere a hci è in prestito il valore della maglia che indossa e ci sono passato anche io quando venivo girato in prestito ad altri club. Abbiamo però capito che eravamo a un punto di non ritorno e che bisognava mettere da parte ogni egoismo. Alla ripresa dovremo continuare così".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Continua per leggere le dichiarazioni di Cosmi >>>

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aste giudiziarie, l'occasione per "rifarsi" l'auto: dall'audi Q2 praticamente nuova alla Mercedes a 50 euro

  • Covid19, parte l'indagine sierologica a Perugia: Istat seleziona cittadini, occhio al numero telefonico

  • Perugia, incendio alla Biondi recuperi: vigili del fuoco in azione, nube nera in cielo

  • Coronavirus, la Usl Umbria 2: "Quattro nuovi casi di positività", tamponi ai familiari

  • La Usl Umbria 1 vende 24 auto, come fare un'offerta per partecipare all'asta

  • Scontro tra auto a Umbertide: morte due persone, un'altra è rimasta ferita

Torna su
PerugiaToday è in caricamento