Castel Rigone - Martina 0 a 0 I Un pareggio che smuove la classifica: famiglie allo stadio

Un pareggio dopo due turni: il primo punto in casa contro il Martina allenato dall'ex di turno, Riccardo Bocchini, licenziato lo scorsa anno dal presidente imprenditore Cucinelli

E' ancora a caccia dei primi tre punti il neo promosso Castel  Rigone, super elogiato per il suo innovativo impianto sportivo, fiore allo occhiello della lega Pro, tanto è vero che di è mosso perfino il  braccio destro di Macalli,  Francesco Ghirelli per la prima di patron Cucinelli. Ma dalla  vita  non si  può' avere tutto ,ed ora monsieur Brunello, un vincente su tanti fronti, sta mordendo il freno perché non sa se dovrà già correre ai ripari, visto che è stata ancora rimandata la prima  vittoria  del suo Castel Rigone nel difficile campionato di Seconda Divisione Pro. Un pareggio dopo due turni:  uno 0-0 nel debutto in casa contro il Martina Franca allenato dall'ex di turno, Riccardo  Bocchini, licenziato lo scorsa anno  con una classifica precaria, ma contravvenendo alla filosofia del re del cachemire,  che ha sempre privilegiato la forma anche nello sport.

Bocchini si  è preso una bella rivincita, andando perfino vicino al successo pieno quando il Martina Franca ha centrato una traversa a portiere battuto, al momenti sono  vanificati  gli sforzi del diesse Quarta , che ha rinforzato la rosa con giocatori di livello superiore, tra i quali il difensore Cangi,in predicato di tornare al Perugia., ma rimasto al palo. La squadra di casa ,allenata del buon Di Loreto, ha provato a spingere, a creare gioco, nella prima frazione ha espresso il meglio, ma neppure i cambi effettuati dall' ex difensore di  Perugia e Fiorentina, hanno dato forza offensiva alla squadra. Non  sono mancate le occasioni per sbloccare il risultato, ma alla fine i tre punti non sono arrivati, ed era il regalo che patron Cucinelli chiedeva per festeggiare al meglio i suoi 6o anni di successi imprenditoriali  non e' arrivato.

I tifosi non possono certo contestare, e nessuno mette in dubbio la bontà delle scelte e della filosofia del patron, che sta raccogliendo consensi in ogni angolo. Solo un osservatore neutrale, uscendo dallo stadio -giardino , ha osservato: " Gli  elogi, specie quando sono eccessivi , producono effetti dannosi sulla squadra che di pavoneggia. Nel calcio professionistico senza "fame " di vittorie non si va da nessuna parte".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nessuno vuole più indossare la toga? Esame da avvocato, domande al minimo storico

  • Muore a 39 anni schiacciato dal trattore, inutili i soccorsi

  • Umbria, colpito da infarto in banca: infermiere e vigile del fuoco fuori servizio gli salvano la vita

  • Cadavere in un canale, sul posto Carabinieri e Vigili del fuoco

  • Albero crolla e si abbatte su una casa e su un'auto

  • Travolto e ucciso da un'auto in superstrada: Fabrizio muore a 45 anni

Torna su
PerugiaToday è in caricamento