Avellino Foligno 2-0 | Biancoazzurri beffati al Partenio

Il Foligno torna dalla trasferta campana di Avellino con una sconfitta per due reti a zero a causa delle reti messe a segno da De Angelis e D'angelo

Si chiude con un’altra sconfitta il weekend nero delle squadre umbre. Dopo le disfatte di Gubbio e Perugia, anche il Foligno, nella prima giornata del campionato di Prima Divisione (girone A), torna a casa da Avellino con una sconfitta. Una sfida che lascia l’amaro in bocca agli uomini di Pagliari che, dopo un avvio un pò sofferto, prendono campo e le misure ad un avversario che vanta una storia calcistica di assoluto spessore: ben dieci anni consecutivi di Serie A (1978 e 1988). Nella ripresa, complice un pizzico di inesperienza, comprensibile per una squadra composta per lo più da giovani, l’Avellino riesce a sbloccare una partita nella quale il Foligno pareva sempre più a suo agio.

IL MATCH – L’Avellino parte forte e mette subito sottopressione la difesa biancoazzurra. Ma col passare dei minuti gli umbri prendono campo e misure all’avversario, creando anche delle buone occasioni in contropiede. Grande equilibrio anche nella ripresa, con le due formazioni che si affrontano a viso aperto ed è il Foligno, ancora una volta, a costruire le occasioni migliori. Ma nel momento migliore degli ospiti l’Avellino, a sorpresa, trova la via della rete. Un cross dalla destra del neo entrato Herrera sorprende Zanbrini: la sua respinta sporca finisce sui piedi di De Angelis che, come un falco, non ci pensa due volte e deposita in rete (25’). La reazione del Foligno è rabbiosa: Guidone raccoglie di testa un perfetto cross dalla destra mettendo di poco a lato. Pagliari tenta il tutto e per tutto buttando nella mischia il giovane Brunori Sandri al posto di Coresi e Papa per uno stanco Menchinella. Gli umbri si sbilanciano e, come spesso accade in queste situazioni, subiscono la rete degli avversari. E’ De Angelis a mettere una palla d’oro dalla sinistra e D’Angelo, al volo, ad insaccare alle spalle di un, stavolta, incolpevole Zanbrini. E’ il colpo del definitivo ko.

LA SVOLTA – Come accaduto nello sfortunato match di ieri che ha visto il Perugia perdere ad Aversa, è un errore del portiere a decidere la sfida. L’incertezza di Zanbrini, come tutti i suoi compagni quasi impeccabile fino a quel momento, rompe un equilibrio che pareva destinato a resistere fino alla fine.

DICHIARAZIONI POST PARTITA – “Abbiamo provato a giocare e a vincere creando anche delle buone occasioni, ma abbiamo subito il gol nel nostro momento migliore”. E’ un pò amareggiato mister Pagliari al termine di una partita sfortunata nel risultato, ma estremamente convincente dal punto di vista della prestazione. “Questo è il calcio. Sono comunque soddisfatto perché questi sono ragazzi seri. Abbiamo commesso qualche errore - ammette - siamo giovani e, dunque, c’è da lavorare”.

TABELLINO – Avellino: (4-3-3) Fumagall, Stigliano, Porcaro, Cardinale, De Gol (33’st Calvarese), D’Angelo, Correa, Millesi, Falzerano (41’Justino), De Angelis, Lasagna (15’ st Herrera). All. Bucaro.

Foligno: (4-3-3) Zanbrini, Romano, Tuia, Galoppo, Messina, Coresi (Brunori Sandri 33’ st), Menchinella (37’ Papa), Costantini, Cavagna,
Guidone, Testa (22’ st. Tattini). All. Pagliari.

Marcatori: 25’ st De Angelis (A);  39’ st D’Angelo.

Ammoniti: Justino (A), Romano (F), Costantini (F), Cavagna(F).
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maltempo e freddo, prima nevicata dell'inverno 2019: il bollettino e le aree che saranno imbiancate

  • Inchiesta anti-ndrangheta a Perugia, tutti i nomi degli arrestati e fermati in Calabria e in Umbria

  • Aereo guasto atterra e si schianta, morti e feriti: la super esercitazione all'Aeroporto di Perugia

  • Si perde nella palude per inseguire un animale, cane salvato dai vigili del fuoco

  • Lungo la Pievaiola scontro tra tre auto all'ora di cena: mezzi distrutti, feriti

  • Arresti per 'ndrangheta, la cosca perugina faceva paura: "Basta una mia parola e si pisciano addosso"

Torna su
PerugiaToday è in caricamento