← Tutte le segnalazioni

Altro

La sfida dei balconi. LACUGNANO C'è!. Da un po’ di sere il Chiorro, (al secolo Robi) ha deciso..."

Via Antonio Canova, 36 · Lacugnano

Da Vincenzo e Alberto, riceviamo e pubblichiamo

La sfida dei balconi. Lacugnano c'è!. Da un po' di sere il Chiorro, (al secolo Robi) ha deciso che alle 18 ci tiene compagnia. Dal suo terrazzo a tetto da dove si vede addirittura l'antenna del monte Peglia e lo strepitoso tramonto del Trasimeno, ha deciso di farci coraggio.

Qualche minuto prima dell'appuntamento prepara con cura l'amplificazione e la tastiera, tutte le sere, la mette e poi la ritira in casa, lo vediamo armeggiare con le casse, entrare e uscire dal balcone, tendere scrupolosamente i fili, sempre allo stesso modo sempre con la stessa postura. Aspetta le campane il Chiorro, perché alle diciotto suonano, tutti i giorni. In automatico, ora.

E lui lo sa bene, perché è l'unico oltre a suo cugino, di quelli nati dopo la nevicata romana ad essere salito fino lassù, Rani ( il capo dinastia dei Chiorro) e i suoi fratelli hanno suonato a mano le campane fino al 25esimo scudetto dei Gobbi, hanno suonato per tutti, per le feste e per i funerali, a mezzogiorno tutti i giorni e per la quaresima per mezz'ora. Oggi perciò è quasi naturale che sia lui a farci sentire ancora una comunità?! una famiglia?! Forse dei compagni?! Chi lo sa come verrà descritta questa nuova socialità. Spetta a lui cantare ed emozionarsi, in un attimo passare dal recitare W l'Italia di De Gregori alla salve Regina di Don Lorenzo. Non c'è differenza perché, l'inno di Mameli e questa paura ci tengono tutti insieme.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dai balconi anziani e bambini cantano, alcuni riprendono con il telefono, altri battono le mani e con Giuliano ci sfidiamo a suon di bandiere, tricolore forzista, contro rosso comunista. Un saluto a distanza però ci conferma un'unica speranza quella di sentirci ancora una piccola comunità che vuol tornare il prima possibile a litigare, per la squadra del cuore, per l'appartenenza politica o anche il posto auto, chissà se lo sapevamo che in fondo quello era solo la parte superficiale. Ci vediamo domani Chiorro!

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Un ringraziamento a Roberto per la musica che ci regala ogni sera e un ringraziamento a Vincenzo per averci ricordato la storia del nostro paese .

Segnalazioni popolari

Torna su
PerugiaToday è in caricamento