Il caffè e il suo ruolo sociale: dalle chiacchiere al bar agli affari più importanti

Un'analisi sociologica del rituale del caffè afferma come attorno alla tazzina ruoti un mondo di relazioni informali, dove possono compiersi anche gli affari più importanti

Si dice caffè e si pensa inevitabilmente a qualcuno con cui codviderlo, con calma la mattina presto, prima di andare al lavoro o nella pausa in ufficio, che sia alla macchinetta o al bar. Si può dire quindi che il caffè gioca un ruolo importante nella creazione dei rapporti interpersonali. Lo dicono anche i sociologi, sollecitati dal Consorzio di Tutela del Caffè Espresso Italiano Tradizionale che si è affidato all’analisi di Massimo Cerulo, Professore di Sociologia all’Università di Perugia e alla Université Paris V Descartes. L’esperto sociologo e autore del libro “La Danza dei caffè” ci rivela come il caffè ricopra una funzione fondamentale di facilitatore di rapporti sociali e, più nello specifico, anche di rapporti di coppia, fino a diventare un vero e proprio elisir d’amore.

Il ruolo del caffé secondo i sociologi

“Sorseggiando il caffè si conversa fra pari, sorridendo. Ci si rapporta all’altro costruendosi reciprocamente una forma di realtà libera, ludica e gratuita che mette tra parentesi ricchezza e posizione sociale, erudizione e fama, capacità eccezionali e meriti dell’individuo - dichiara Cerulo - La socievolezza si può definire una forma ludica di sociazione, ossia di costruzione di una piccola società che si basa sul mettere da parte gli individualismi. In un appuntamento di fronte a una tazzina di caffè, la socievolezza è quella forma di conversazione che si manifesta da subito: aiuta a rompere il ghiaccio, a formulare le prime frasi e domande affinché inizi una prima conoscenza, permette di sfiorarsi con gli occhi e le parole”.

Un caffé per siglare affari importanti

Se è vero che davanti a un buon caffé la socievolezza viene facilitata, è anche vero che l'atmosfera che si crea può anche suggellare i più grandi affari. Attraverso brevi dialoghi, forme discorsive gratuite, libere e che si instaurano per il solo piacere della conversazione, senza altri fini apparenti ci si può spostare ai discorsi più lunghi e articolati che avvengono ai tavoli, dove si può discutere degli argomenti più svariati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la Regione conferma un caso sospetto in Umbria, una persona in isolamento

  • Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere: sintomi, contagio, la malattia e la prevenzione

  • Bollettino medico Coronavirus: "Nessun contagio in Umbria ad oggi". Si decide su scuole ed eventi

  • Coronavirus, caso sospetto donna ricoverata in isolamento a Perugia: i risultati del primo test

  • Coronavirus, sospetto contagio in Umbria: donna in isolamento all'Ospedale di Perugia, i risultati tra 24 ore

  • Coronavirus, l'Asl di Lodi segnala la presenza di una donna a rischio in Altotevere: "Non ha sintomi, ed ha lasciato l'Umbria"

Torna su
PerugiaToday è in caricamento