Abbazie, eremi e monasteri: l'eredità di San Benedetto in Umbria

Oltre 300 le fondazioni di monasteri benedettini ispirati alla "Regula benedectina"; ecco quali sono ancora esistenti oggi

L’Umbria è terra di santi, si sa, e accanto alle figure dei santi sorgono anche tanti luoghi in cui gli stessi hanno vissuto e praticato le loro virtù: monasteri, conventi e abbazie.

Secondo gli storici, nella nostra regione ci sarebbero state ben 300 fondazioni di soli monasteri benedettini derivanti da precedenti eremi. Tra le caratteristiche di queste costruzioni, il fatto che sorsero tutti in zone rurali. In particolare le abbazie furono erette nelle valli umbre, dalla grande valenza strategica, ma anche in zone dove sorgeva già un santuario pagano. 

Una delle figure più importanti della cristianità, S. Benedetto da Norcia (480 ca.), ha i suoi natali proprio in Umbria: fu egli che con la sua opera determinò il passaggio dalla vita eremitica alla forma comunitaria, detta cenobitica (dalle parole greche koinos bios, vita comune) dando impulso alla nascita delle abbazie. 

Secondo la famosa “Regula benedectina”, al centro della vita di questi luoghi c’era lo studio e la coltivazione dei campi: ora et labora. Anche per questo le abbazie erano erette in aperta campagna e dotate di cinta muraria.

Come erano costruite le abbazie

A fianco del nucleo principale, costituito sempre dalla chiesa, si sviluppavano di norma uno o più cortili, di solito rettangolari e muniti di porticati e logge (i chiostri), al fianco dei quali si trovavano i locali per la vita comune come refettori e dormitori, nonché i luoghi di meditazione, di lavoro e di studio (biblioteche, archivi, scriptoria, ecc.). Esisteva poi un cortile rustico posto presso l'ingresso del monastero, come disimpegno dei locali di servizio (magazzini, depositi, forno, ecc.). La chiesa era dotata sempre di un impianto a basilica, con ampio spazio per il coro.

Sebbene il monastero benedettino di Norcia sia pressocché inagibile per i crolli avvenuuti durante il terremoto del 2016, sono tanti ancora gli eremi, i monasteri e le abbazie ispirate alla Regula Benedectina ancora in vita oggi. Ecco quali sono:

Abbazia San Benedetto Norcia

Monastero di Sant'Anna

Abbazia Celestina

Abbazia dei Sette Frati

Abbazia di San Faustino

Abbazia di San Felice di Giano

Abbazia di San Felice di Narco

Abbazia di San Lorenzo in Vibiata

Abbazia di San Pietro in valle

Abbazia di San Pietro Perugia

Abbazia di San Salvatore di Monte Corona

Abbazia di Santa Maria di Sitria

Abbazia di Santa Maria di Valdiponte

Eremo di Monte Corona

Eremo di Monte Cucco

Eremo di Sant'Antonio

Eremo di Santa Illuminata

Eremo di Santa Maria della Stella

Monastero di San Giovanni di Marzano

San Nicola, abbazia di

Sant'Angelo in Massa, abbazia di

Sant'Eutizio, abbazia di

Santa Illuminata, eremo di

Santi Cassiano e Ippolito, abbazia dei

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, purtroppo altre 3 persone decedute negli ospedali di Foligno, Pantalla e Terni. Sono 24 in Umbria

  • L'Umbria apre tutte le sue bocche di fuoco contro il virus: test rapidi, 2mila tamponi al giorno e 25mila controlli mirati

  • Coronavirus, dalla spesa alle scarpe: le risposte dell'Istituto superiore di sanità sul contagio

  • Coronavirus, bollettino regionale del 29 marzo: 1023 contagiati, cresce il numero dei guariti, 'solo' in 46 in terapia intensiva

  • Coronavirus, bollettino medico del 26 marzo: in Umbria 20 morti, 802 contagiati e 12 clinicamente guariti

  • Coronavirus, nuovo bollettino medico in Umbria (25 marzo): 3 guariti in più, zero nuovi decessi, 710 contagiati

Torna su
PerugiaToday è in caricamento