SPECIALE EUmbria - Nel 2019 si vota per il rinnovo del Parlamento Europeo: ecco come esprimere un voto informato e libero

Le iniziative del Parlamento europeo per spiegare, a tutti gli umbri, le politiche e azioni dell’Unione e per “l’Europa ai cittadini”. Umbria in prima fila per la Ue

"Articolo realizzato nell’ambito del Progetto FISE- Europe Direct Terni – Comune di Terni – Università di Perugia, con il cofinanziamento della Commissione Europea".eumbria_logo-4

*****

In vista delle elezioni in programma per il prossimo 26 maggio 2019 sono molte le iniziative realizzate dal Parlamento europeo per spiegare, a tutti gli europei, politiche e azioni dell’Unione e per avvicinare “l’Europa ai cittadini”, affinché la scelta di voto per le suddette elezioni sia maggiormente responsabile. Anche a livello regionale, l’Umbria da sempre si impegna nell'avvicinare soprattutto i giovani alle istituzioni europee e a far conoscere le opportunità che i Fondi strutturali offrono per migliorare e far crescere il territorio.

In particolare, il Servizio di Ricerca del Parlamento Europeo ha realizzato un sito interattivo e multilingua What Europe does for me in cui gli utenti potranno trovare, in maniera enciclopedica, informazioni specifiche sulle azioni dell'Ue per la loro regione, la loro professione o il loro passatempo preferito e capire cosa è stato finanziato e cosa è stato approvato. Un'altra iniziativa è la campagna di comunicazione europea #stavoltavoto, per cui si è attivata anche la Regione Umbria, che prevede un confronto di idee, dedicato in particolare ai giovani, per incoraggiare una maggiore affluenza degli elettori alle elezioni europee.

Per votare in modo consapevole un passaggio chiave è la discussione, ma soprattutto l’informazione, cioè capire cosa fa l’Europa per i suoi cittadini, soprattutto come agisce a livello regionale. In tale ambito l’azione del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) mira a consolidare la coesione economica e sociale tra i paesi correggendo gli squilibri fra le regioni ed opera attraverso programmi pluriennali, noti come programmi operativi, che garantiscono la coerenza e la continuità per un periodo di sette anni.

Il Programma Operativo regionale – POR - 2014-2020 dell’Umbria mette a disposizione 412.293.204 euro (di cui il 50%, 206.146.602 euro di cofinanziamento europeo e il resto cofinanziamento nazionale e regionale). In tale contesto, nell’ottica di avviare un percorso di crescita e sviluppo che possa connotarsi come “intelligente, sostenibile ed inclusivo”, la Regione Umbria ha inteso assumere, quali sfide urgenti da affrontare con il Programma Operativo: la specializzazione ed innovazione del sistema regionale; la competitività del sistema produttivo; la tutela e valorizzazione delle risorse territoriali; lo sviluppo sostenibile; la prevenzione sismica. Un video che sintetizza la programmazione POR - FESR della Regione Umbria per 2014-2020 si trova al seguente link

LEGGI GLI ALTRI ARTICOLI DI EUmbria.

striscia-loghi-3
 

Potrebbe interessarti

  • Come richiedere gli assegni familiari nel 2019 e chi ne ha diritto

  • Cuocere i cibi in lavastoviglie: non solo moda, ma ecologia e convenienza

  • Invasione di formiche, come eliminarle con i rimedi naturali

  • Tutto quello che non sapete sulle piante grasse e i benefici per la salute

I più letti della settimana

  • Tragedia all'alba, donna di 46 anni muore sotto al treno: indagini in corso

  • Umbria, tragedia lungo la strada: l'auto si schianta contro un albero, muore a 36 anni

  • Cadavere a Fontivegge, identificato il corpo ritrovato nella notte

  • Luca sparisce nel nulla, poi il lieto fine: "E' stato ritrovato, grazie a tutti"

  • Tragico Erasmus, studente spagnolo si tuffa in piscina e muore sotto gli occhi degli amici

  • Come richiedere gli assegni familiari nel 2019 e chi ne ha diritto

Torna su
PerugiaToday è in caricamento