La proposta choc del consigliere regionale: "E' inutile... chiudiamo il consiglio regionale: 23 milioni risparmiati!"

Il consigliere regionale De Vincenzi esasperato dall'atteggiamento della maggioranza e dal "non governo" dell'Umbria. Uno sfogo duro dall'esponente dei civici all'opposizione

Chiudere il consiglio regionale dell'Umbria perchè è ormai un ente totalmente inutile. Non lo ha chiesto qualche movimento anti-casta o qualche movimento degli pseudo "forconi". Ma un consigliere regionale che si dice ormai esasperato dall'andamento e dalle discussioni che si registrano nell'aula della massima assise umbra. Provocatoriamente chiudere il consiglio regionale farebbe risparmiare agli umbri qualcosa come 23 milioni di euro all'anno.

La proposta choc porta la firma del consigliere del gruppo Ricci Presidente Sergio De Vincenzi: “L'Assemblea legislativa dell'Umbria è ormai un'istituzione inutile o meglio, questa maggioranza del Pd sta rendendo totalmente insignificante e inutile la massima istituzione della regione, svilendone il ruolo a mero ratificatore di decisioni del governo Marini, annullando l'azione di controllo e legislativa”.

La goccia che ha fatto traboccare il vaso è stato l'ultimo consiglio dove si è discusso rifiuti, la nuova figura di un super-dirigente regionale e il rinvio della discussione sulla Moschea di Umbertide: “È stata una seduta scandalosa – secondo De Vincenzi – con una estemporanea comparsa in Aula della presidente Marini che non ha nemmeno partecipato al voto sulla mozione relativa allo smaltimento dei rifiuti in località Calzolaro di Umbertide, problema che la Giunta ha avuto l'ardire di declassare a mera questione burocratica, su cui la politica non avrebbe nessun potere. La pantomima del rinvio della proposta di legge della Giunta che introduce un nuovo super-mega-dirigente, fatto su misura per la pietra d'inciampo nell'assessorato alla Salute. Quindi la ciliegina sulla torta l'ha messa la presidente dell'Assemblea, Donatella Porzi, la quale ha nuovamente violato il regolamento chiudendo la seduta per mancanza del numero legale sulla mozione relativa alla moschea di Umbertide, senza effettuare una seconda chiamata per verificare i presenti, non rispettando il disposto dell'articolo 50 del regolamento interno”. Il consigliere regionale De Vincenzi ha chiesto un ritorno alle urne dato che l'Umbria non è governata da chi è stato scelto dagli elettori nell'ultima consultazione.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Politica

    Le nostre tradizioni non saranno cancellate. Sagre, festival musicali, rievocazioni storiche sono salve: modificata la legge sulla sicurezza

  • Cronaca

    Parcheggio ospedale, ecco come ti rubano la borsa: uno ti distrae e poi tutto il resto lo fa il complice

  • Politica

    Elezioni comunali a Perugia, polveriera Pd: la coalizione (che non c'è) spacca già il partito

  • Cronaca

    Colpo in una villetta a San Marco, rubata anche una pistola: ladro inchiodato dalle impronte e spedito in carcere

I più letti della settimana

  • Umbria, scompare nel nulla a 15 anni: ritrovato a Pomezia

  • Un viaggio da incubo: 20enne molestata dall'autista dell'autobus per ore e ore

  • Precipita per 60 metri e muore, l'Umbria piange Leonardo: "Sarai sempre nei nostri cuori"

  • Tragedia sui Monti Sibillini, 65enne di Perugia muore dopo un volo di 60 metri

  • "Prego perchè la tratta dalla Libia non finisca": da Perugia salta fuori il business "barconi" della Mafia Nigeriana

  • A tu per tu con i ladri, si sveglia di soprassalto e li trova in camera da letto

Torna su
PerugiaToday è in caricamento