Tumore al seno, tutti favorevoli a portare dai 50 ai 45 anni l'età per gli esami gratuiti. "Ora tocca al Governo..."

Intervento del consigliere di Patto Civico per l'Umbria durante il 'question time' in Regione: "Estendere la prevenzione fino alle donne di 45 anni". La risposta dell'assessore Coletto. I dati

Giornata di 'question time' oggi (11 febbraio) nella seduta dell'’Assemblea legislativa dell’Umbria. Tra i consiglieri che hanno preso la parola anche Andrea Fora (Patto civico per l’Umbria), che ha chiesto a Luca Coletto, assessore regionale alla Sanità e alle Politiche sociali, “se la Giunta non intenda procedere all'estensione dello screening gratuito della mammografia a partire già dai 45 anni di età con cadenza biennale. E se la Giunta intenda rafforzare la comunicazione istituziona le pubblica di sensibilizzazione della popolazione femminile a tale problema, a partire da campagne informative ed educative nelle scuole elaborando anche progetti di comunicazione ed attività con le principali associazioni di volontariato che si occupano di queste problematiche della salute”.

LA RICHIESTA - Nell’illustrare l’atto in aula Fora ha ricordato che “il tumore al seno è la neoplasia più frequente in assoluto nella popolazione femminile, che in Italia colpisce una donna ogni 8 nell'arco della vita ed è la prima causa di decesso per patologia oncologica nella popolazione femminile con 12mila vittime all'anno. Il tumore al seno è la causa del 29 per cento dei decessi nelle donne prima dei 50 anni, del 21 di quelle tra i 50 e i 69 e del 16 di chi ha oltre 70 anni. Grazie alla diagnosi precoce le donne di età compresa dai 50 ai 69 anni hanno una maggior probabilità di sopravvivenza. La diagnosi precoce, infatti, è il miglior sistema di lotta per individuare prima possibile la malattia. Alcune Regioni stanno estendendo la diagnosi precoce alle donne tra i 45 e i 49 anni, anche in relazione all'aumento della incidenza del tumore dello 0,6 per cento registrata dal 2003 al 2018. In Umbria grazie alla diagnosi precoce e al miglioramento delle cure, 86 donne su 100 che hanno avuto una diagnosi di tumore alla mammella, sono vive dopo cinque”.

LA RIPOSTA - Questa la risposta dell’assessore Coletto: “È intenzione di questa amministrazione regionale provvedere al rafforzamento della comunicazione istituzionale per sensibilizzare ulteriormente le donne sull’importanza della prevenzione. È in itinere nel Patto per la salute appena approvato l’estensione dei Livelli essenziali di assistenza (Lea, ndr) delle donne dai 45 ai 49 anni. Il problema è che il Patto della salute è stato approvato con l’intesa Stato-Regioni, ma non è ancora legge. In attesa sarà nostra cura ampliare parzialmente la fascia d’età prendendo in esame due parametri: la familiarità e la sintomatologia. Questo in attesa che il Governo prenda atto della necessità di allargare l’intervallo delle mammografie partendo dai 45 e non più dai 50 anni".

Per l’anno 2020 si ritiene che l’estensione dello screening gratuito a partire dai 45 anni con cadenza biennale, viste le condizioni economiche, organizzative attuali, in parte non è possibile prevederlo. In Umbria, a partire dal 2016, è stato esteso lo screening mammografico, con invito biennale, alle donne dai 70 ai 74 anni, innalzando il limite nazionale di quattro anni.

L’estensione dello screening alla fascia 45-49 anni con invito biennale comporterebbe in linea teorica che le donne da chiamare, ogni anno, passino da 67.500 (tra i 50 e 74 anni) a circa 85.100. I radiologi senologi di screening sono attualmente 8, più uno in formazione nella Asl 1 e 5 nella Asl 2. I requisiti previsti per i radiologi che operano nel programma di screening sono quelli di dedicare ad attività senologica almeno il 50 per cento del loro tempo e leggere almeno 5mila esami di screening ogni anno”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la Regione conferma un caso sospetto in Umbria, una persona in isolamento

  • Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere: sintomi, contagio, la malattia e la prevenzione

  • Coronavirus, caso sospetto donna ricoverata in isolamento a Perugia: i risultati del primo test

  • Coronavirus, sospetto contagio in Umbria: donna in isolamento all'Ospedale di Perugia, i risultati tra 24 ore

  • Coronavirus, l'Asl di Lodi segnala la presenza di una donna a rischio in Altotevere: "Non ha sintomi, ed ha lasciato l'Umbria"

  • Artemisia, la bimba umbra dai lunghi capelli rossi, è già una star: dalle super griffe a Netflix

Torna su
PerugiaToday è in caricamento