Taglio Province, Mignini: "Presto grande mobilitazione"

L'assessore provinciale Piero Mignini annuncia l'imminente mobilitazione contro il decreto di riordino del Governo sulle Province e che ha tagliato l'ente di Terni

Il bisogno di una forte mobilitazione, che si svilupperà nelle prossime settimane, è quanto emerge dall’assemblea dell’UPI – Unione Province Italiane alla quale erano presenti presidenti delle giunte e dei consigli provinciali, in corso l'8 novembre a Roma e che affronta la questione del decreto di riordino delle Province.

Decreto inaccettabile- L’assessore provinciale Piero Mignini, che ha preso parte ai lavori dell’assemblea annuncia che: “Sono previste, già dalle prossime settimane alcune iniziative per chiedere al Governo una serie di modifiche di carattere territoriale perché, pur riconoscendo non condivisibili i parametri di sopravvivenza delle Province, si è andati ad affrontare una serie di eccezioni e non si è tenuto conto della peculiarità dell’Umbria e si è andati alla soppressione della Provincia di Terni. Al contrario, appunto, delle eccezioni suddette”.

Mantenere Giunte complete- “Inoltre – ha aggiunto Mignini – chiederemo con forza il mantenimento delle Giunte provinciali nella loro completezza, e non solo della figura del Presidente, così come prevede il decreto che prefigurerebbe di fatto un commissariamento dell’Ente e di conseguenza un suo svuotamento istituzionale. Si chiederà di permettere ad un organismo regolarmente eletto dai cittadini di poter continuare a svolgere le proprie funzioni e completare il proprio programma di mandato sino al raggiungimento della naturale data di scadenza della consiliatura. Saremo pronti a dimostrare, dati e conti alla mano, che questo decreto di riordino non comporta alcun risparmio ma, anzi, comporta un aggravio di costi”.

“Chiederemo anche in Umbria così come in tutta Italia – conclude Mignini – una serie di incontri con i parlamentari eletti a cui sottoporremo l’esigenza di non sostenere questo decreto che, come ripeto, è inaccettabile così come prodotto da un Governo pasticcione ed autoritario così come sono inaccettabili i gravi tagli che si traducono in tagli ai servizi. Chiederemo, inoltre, ai parlamentari di non votare il decreto, se non modificato”. 

IL DECRETO- Il Governo Monti ha deciso di confermare il taglio della Provincia di Terni in Umbria con l'approvazione del decreto da parte del Consiglio dei Ministri

GASTICCHI CONTRO IL DECRETO TAGLIA PROVINCE-Il commento rabbioso di Guasticchi al decreto del Governo che sancisce il taglio della Provincia di Terni in Umbria, per effetto della spending review.

REAZIONI- La Regione Umbria promette battaglia alla decisione del Governo di tagliare al Provincia di Terni.

CAL- La proposta del Consiglio delle Autonomie Locali vorrebbe che Spoleto, Foligno e la Valnerina siano accorpate a Terni.

PROVINCE- Approvato il documento del Cal sulla proposta da inviare al Governo nel tentativo di mantenere le due province in Umbria

SALVA-PROVINCIA- La presidente dell'Umbria, Catiuscia Marini afferma che il 70% dei Comuni umbri vogliono la proroga della decisione del Governo

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus | Lettera di risposta a Cucinelli: "Non per tutti volano felici le rondini: perchè non dà suggerimenti al Premier Conte?"

  • Coronavirus, salgono a 14 le vittime: nella notte è deceduto in ospedale un 59enne

  • Coronavirus, purtroppo altre 3 persone decedute negli ospedali di Foligno, Pantalla e Terni. Sono 24 in Umbria

  • L'Umbria apre tutte le sue bocche di fuoco contro il virus: test rapidi, 2mila tamponi al giorno e 25mila controlli mirati

  • Coronavirus, bollettino medico regionale del 22 marzo: 522 contagiati, 16 le vittime accertate

  • E alla fine il decreto sul lavoro è stato firmato, ecco le schede dei settori operativi e di chi potrà lavorare

Torna su
PerugiaToday è in caricamento