Stop plastica non riciclabile per feste, sagre e giostre: la proposta di legge presentata dai 5Stelle

IL Movimento 5 Stelle presenta una proposta di legge per il “divieto di utilizzo di plastica monouso non biodegradabile o riciclabile"

“Divieto di utilizzo di plastica monouso non biodegradabile o riciclabile in feste, mense e sagre”. È questo il contenuto della proposta di legge depositata oggi dai consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle, Maria Grazia Carbonari e Andrea Liberati, che prevede “anche incentivi economici per l’utilizzo di materiali ecologici”. Per Liberati e Carbonari si tratta di “un altro passo concreto per passare dalle parole ai fatti”.

“Per dare reale seguito agli obiettivi europei e nazionali di riduzione della plastica - spiegano i due consiglieri pentastellati - abbiamo depositato una proposta di legge che riprende i contenuti proposti dal M5S in altre regioni, adattandoli alla realtà umbra e alla normativa sulle sagre e feste paesane (legge regionale ‘2/2015’). La logica della nostra proposta è semplice: ridurre drasticamente i rifiuti in plastica senza inutili disagi, eccessivi costi o rischi di natura igienica-sanitaria per le sagre, feste e mense pubbliche. Infatti, fermo restando l’obiettivo primario della riduzione della quantità di rifiuti prodotti, saranno comunque consentiti contenitori monouso purché riciclabili e biodegradabili”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nella proposta del Movimento 5 Stelle è previsto anche un incentivo economico o uno sconto sulle tasse per i produttori e gli utenti: "Un piccolo-grande passo per fare dell’Umbria un esempio virtuoso in Italia e nel Mondo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria all'1 aprile: tutti i casi per comune di residenza

  • Coronavirus, due persone in mezzo alla strada tirano calci alle auto: ma uno dei due finisce al "tappeto" (le foto)

  • Doveva restare in quarantena, ma un camionista ha continuato a lavorare: poi il malore, era positivo al coronavirus

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria al 3 aprile: tutti i dati per comune

  • Coronavirus, bollettino regionale Umbria 31 marzo: rallenta il contagio, aumenta invece il numero dei guariti

  • Coronavirus, il bollettino in Umbria 2 aprile. Altri segnali positivi: aumentano i guariti e 4mila fuori dall'isolamento, contagiati di nuovo in calo

Torna su
PerugiaToday è in caricamento