Ru486, il no dei Movimenti per la vita: "E' aborto a domicilio"

La federazione dei Movimenti per la vita si oppone alla decisione della Giunta in merito all'inizio della somministrazione in day hospital della pillola abortiva

La decisione della Giunta Regionale dell'Umbria di dare l'ok per l'inizio della somministrazione della pillola Ru 486, fa insorgere anche la federazione regionale dei Movimenti per la vita. Infatti, il presidente, Vincenzo Silvestrelli usa parole forti per apostrofare la scelta umbra sull'interruzione di gravidanza: "è aborto a domicilio".

Silvestrelli mette dalla sua parte il fatto che la regione presenta uno dei tassi di natalità più bassi d'Italia, con i decessi che superano di gran lunga le nascite e la Regione e invece di incentivare le nascite, promuove politiche per sostenere l'aborto, per giunta con grande rischio della salute della donna.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La procedura della Ru486 è molto pericolosa. Sono certificati numerosi casi di morte della donna. Nelle scorse settimane in Europa è stata registrata un'altra vittima causata dalle conseguenze dell'aborto farmacologico. Secondo i rilievi del 2009, ricavati dal Rapporto sulle interruzioni volontarie di gravidanza in Italia" redatto dal Ministero della salute, in Umbria sono stati praticati 1.918 aborti volontari a fronte di 7990 nati vivi. Il dato sulle nascite è paragonabile a quello Istat del 2006, in cui si sono avuti 7822 nati vivi a fronte però del preoccupante numero di decessi: sono stati ben 9518 i morti, uno scarto di quasi duemila persone all'anno che negli anni più recenti non si è risolto. Il numero degli aborti praticati, di quasi duemila unità, colmerebbe però il gap demografico, garantendo alla popolazione umbra di non estinguersi in tempi tanto brevi"; conclude il presidente.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Concorso pubblico, 2133 assunzioni a tempo pieno e indeterminato: il bando

  • Concorso per l'assunzione di 2133 funzionari della pubblica amministrazione: il bando

  • Umbria, tragedia a Terni: trovati morti a 15 e 16 anni, indagini in corso

  • Umbria, adolescenti trovati morti: uomo in carcere. Il cocktail micidiale di sciroppo e psicofarmaci

  • Umbria, Flavio e Gianluca morti dopo un mix di droghe: parlano i genitori

  • Omicidio Polizzi, la Cassazione scrive la parola fine: i Menenti tornano in carcere, Riccardo per sempre

Torna su
PerugiaToday è in caricamento