Terremoto, nuovo decreto e altre incognite, Laffranco: "Non c'è un progetto, si naviga a vista"

"Il Governo sul terremoto sta navigando a vista: siamo al terzo decreto in sette mesi, ma ancora una volta però si tratta di un provvedimento insufficiente. Non c'è un'idea chiara su come procedere": la denuncia porta la firma dell'onorevole di Forza Italia Pietro Laffranco che ha analizzato il nuovo decreto legge del Governo Gentiloni.  

"Le modifiche della Commissione Ambiente - ha continuato Laffranco durante la discussione in aula a Montecitorio - sono ancora del tutto inidonee ad avere un quadro normativo adeguato. Basti pensare al sacrosanto riconoscimento dei danni indiretti, il cui stanziamento di soli 23 ml di euro è però davvero poca cosa. Sono indifferibili nuovi interventi per favorire la ricostruzione offrendo ai cittadini e alle attivita' di questi territori una prospettiva di speranza. Presentando ulteriori emendamenti in aula cercheremo di colmare le evidenti lacune. Certo il modello di efficienza de L'Aquila è davvero lontano".

Potrebbe interessarti

  • "Il paradiso delle signore", l'attore umbro Giordano Petri nella nuova stagione della fiction di Rai Uno

  • Laghi dell'Umbria, quelli balneabili e quelli dove godersi la natura

  • Sigaretta addio: come smettere di fumare e perché conviene farlo

  • Infarto, quando si presenta e come intervenire

I più letti della settimana

  • Concorsone del Mibac, 1052 assunzioni a tempo indeterminato: le materie d'esame, i requisiti e come fare domanda

  • Tragedia in vacanza, umbro muore in spiaggia a San Benedetto del Tronto

  • Il Ministero dei Beni Culturali assume, 1052 posti di lavoro: il bando del concorsone

  • Caos graduatorie, il ministero dell'Istruzione: "Problemi solo per la Primaria, per la Secondaria ruoli assegnati"

  • Perugia, tragedia lungo la strada: inutili i soccorsi, muore a 48 anni

  • Travolta da un'onda e sbattuta contro lo scoglio: Sofia muore a 22 anni

Torna su
PerugiaToday è in caricamento