Vaccini obbligatori per iscrivere i figli a scuola, il fronte del no cresce: travolta la proposta in Regione

Ma nell'audizione in Terza commissione è emersa una netta contrarietà da parte dei rappresentanti delle associazioni ed anche tra quelle che raccolgono i medici e ricercatori.  

Dopo il comune di Perugia, anche la Regione si sta interrogando sull'esigenze di rendere obbligatori i vaccini per i bimbi che si vuole iscrivere dall'asilo nido alla materna. Ma nell'audizione in Terza commissione è emersa una netta contrarietà da parte dei rappresentanti delle associazioni ed anche tra quelle che raccolgono i medici e ricercatori.  

"Una legge - è l'opinione più diffusa tra le associazioni ascoltate in Terza Commissione -  che calpesta la Costituzione ignorando i diritti che vi sono sanciti, fra cui quello all'istruzione e quello alla libertà di scelta. Giusto persuadere i genitori alla vaccinazione dei figli e servirebbe maggiore informazione anche da parte dei medici ma no al ricatto 'se non lo vaccini tuo figlio non può andare a scuola. Non siamo contrari alla vaccinazione in sé, ma lo siamo verso l'obbligatorietà. Necessaria una maggiore informazione da parte dei medici sui vaccini e sulle loro conseguenze”.

Nettamente contrari sono: AsSIS-Associazione studi informazione sulla salute,  Autismo diamoci una mano-onlus,  AURET-Autismo, ricerca e terapie, Comitato Montinari onlus,  Coordinamento nazionale danneggiati dal vaccino, Comitato libertà di scelta consapevole. 

Mentre parzialmente favorevole alla vaccinazione obblicatoria è l'Associazione culturale pediatri, che ha rimarcato il “consenso sulla utilità delle vaccinazioni. Apprezziamo intenzioni e preoccupazioni sul calo della copertura vaccinale e sul riemergere di alcune patologie come morbillo e pertosse, che preoccupano per le complicanze soprattutto per i più piccoli, però sul provvedimento esprimiamo dubbi: l'intento di allargare la platea va bene ma la metodica va rivista. Un provvedimento coercitivo crea un clima di conflitto di cui non c'è bisogno”.

Nonostante tanti "no" e tanti dubbi sulle vaccinazioni obbligatorie, Carla Casciari, tra i promotori insieme a Leonelli, ha ribadito però che non intende ritirare la proposta: “La nostra proposta si basa sul calo delle vaccinazioni che abbiamo riscontrato nei dati 2015 del Ministero della salute e riguarda solo la fascia di età che va dai 3 ai 36 mesi. Se i dati più recenti dimostrseranno che le vaccinazioni sono aumentate potremmo anche ritirare la proposta. Non faremo barricate ma è chiaro che stiamo parlando del bene comune”.
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spettacolo in cielo, le Frecce Tricolori sorvolano Perugia: ecco l'orario

  • Umbria Jazz, colpo di scena: l'annuncio ufficiale, progetto per quattro concerti ad agosto

  • Ad Umbertide apre un nuovo supermercato: 450 mq e una linea di prodotti tutta made in Umbria

  • Piante antizanzare da coltivare sul balcone o in giardino

  • Coronavirus, bollettino regionale del 31 maggio 2020: zero contagi, 17 le persone ricoverate

  • Coronavirus in Umbria, il bollettino del 26 maggio: un nuovo positivo su 1097 tamponi

Torna su
PerugiaToday è in caricamento