Sei mesi per progettare e convincere, poi l'eventuale conferma: nominati i nuovi manager della sanità umbra

La Regione e l'Università hanno la stessa visione: un progetto unitario, con stessi obiettivi e servizi, per gli ospedali e l'Usl umbre

Sei mesi per convincere, sei mesi per mettere le basi insieme alla Regione e all'Università per la sanità regionale per i prossimi 20 anni. Se c'è unità di intetti e volontà allora arriverà un contratto più lungo. Ma per adesso niente rapporto blindato a scatola chiusa. E' questo il senso, spiegato sia dalla Presidente Tesei che dal rettore Oliviero, del contratto breve per i nuovi vertici della sanità di casa nostra. I nuovi manager presentati stamani sono: Marcello Giannico per l’Azienda ospedaliera di Perugia, Pasquale Chiarelli per l’Azienda ospedaliera di Terni, Massimo De Fino per Asl 2, Gilberto Gentili, che sarà a capo dell’Usl Umbria 1. Tanti volti nuovi, tanta esperienza in giro per il Paese e un solo confermato (De Fino). Subentrano ad Antonio Onnis, Andrea Casciari e Silvio Pasqui che hanno fronteggiato il periodo complesso dell’emergenza sanitaria dovuta al Covid-19, in cui tutti hanno dato il massimo per assicurare i risultati ottenuti in Umbria. Ma l'obiettivo della Presidente Tesei era iniziare un nuovo corso, lontano anni luce dal passato e soprattutto senza dover fare scelte politico invece che di curriculum.  

“Tutto il percorso che ha portato a queste scelte, è stato condiviso con il Rettore. Proprio con il Magnifo si sta pensando di riorganizzare la sanità umbra in una visione unitaria e di grande integrazione tra le aziende. Un progetto di largo respiro che si può concretizzare solo se si basa su una forte collaborazione”. L’intento di rafforzare la collaborazione tra Regione e Università ha trovato una concretizzazione nel Memorandum siglato tra le due istituzione che, come ha ricordato il Rettore, “rappresenta una tappa importante che apre a prospettive future e a una nuova fase per questa regione piccola, ma che ha grandi potenzialità e una consolidata tradizione universitaria”. L'assessore Coletto e il direttore regionale alla sanità hanno fissato dei paletti per il nuovo corso: mai più sul territorio regionale singole aziende che si comportano come entità separati, completamente indipendenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Alla base - hanno spiegato - dovrà esserci un progetto condiviso e, a tal fine, gli obiettivi che porteranno avanti i 4 commissari saranno trasversali per ognuno di loro in base alle loro competenze professionali e che hanno acquisito nel loro percorso. In pratica, si creerà un rapporto in rete tra direzione regionale e aziende sanitarie spingendo in maniera forte sul versante della programmazione”.   All’interno di questa cornice il dottor Marcello Giannico si occuperà anche di programmazione economica e finanziaria; il dottor Pasquale Chiarelli, sarà di supporto alla programmazione e pianificazione per il nuovo piano sociosanitario; il dottor Massimo De Fino metterà a disposizione le sue competenze per gli accreditamenti; il dottor  Gilberto Gentili affronterà il tema delle liste d’attesa con particolare attenzione ad evitare disomogeneità tra i territori.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Concorso pubblico, 2133 assunzioni a tempo pieno e indeterminato: il bando

  • Coronavirus, la Usl Umbria 2: "Quattro nuovi casi di positività", tamponi ai familiari

  • Umbria, tragedia a Terni: trovati morti a 15 e 16 anni, indagini in corso

  • Umbria, adolescenti trovati morti: uomo in carcere. Il cocktail micidiale di sciroppo e psicofarmaci

  • Temptation Island, la coppia perugina è già sul punto di scoppiare. Alessandro furioso, Sofia si rilassa tra carezze e balli bollenti

  • Non rispetta le norme anti Covid-19, multato parrucchiere e negozio chiuso

Torna su
PerugiaToday è in caricamento