Quintana, Guasticchi: “Difficoltà di comprensione sul suo spessore"

Il presidente della Provincia, Guasticchi interviene sulla Giostra della Quintana di Foligno e sulle polemiche sulla sua esclusione dalla Lista Patrimonio d'Italia

Il Presidente della Provincia Guasticchi ( foto archivio )

Il presidente della Provincia di Perugia, Marco Vinicio Guasticchi interviene sulla Giostra della Quintana di Foligno e sulle polimiche sulla sua esclusione dalla Lista Patrimonio d'Italia ideata dal Ministro del Turismo, Michela Vittoria Brambilla.

Patrimonio Italia è il nuovo marchio dedicato a manifestazioni culturali che contribuiscono a valorizzare l'immagine dell'Italia e a generare nuovi flussi turistici nel nostro Paese.

Queste le parole del presidente Guasticchi sulla diatriba della Giostra e sul mancato riconoscimento dello spessore culturale e storico della manifestazione folignate: "Il carattere insieme popolare e nobiliare della Quintana dà alla grande Festa di Foligno il sapore irripetibile di un’epoca trascorsa e la fragranza di un’età, la nostra, desiderosa di proiettare nel futuro le proprie radici. L’epoca barocca, il suo mondo, le sue credenze, le sue magiche illusioni, la sua strabiliante capacità di stupire, ha lasciato tracce profonde nell’arte, nei monumenti, nella letteratura dell’Umbria e anche se il tratto fondamentale della Regione è da vedersi nel lungo Medioevo che giunge fino al Cinquecento, il pieno Seicento ha una forza tale di penetrazione nelle coscienze e momenti così intensi di riconoscibilità e di evidenza che l’immagine attuale del territorio vi si specchia ogni giorno di più. E il merito fondamentale dell’acquisizione di coscienza riguardante il valore del Seicento in Umbria si deve prioritariamente alla Giostra della Quintana”.

“Certo, nella fase politica che attraversiamo – aggiunge il presidente - il riconoscimento del profondo spessore della Festa folignate sperimenta alcune difficoltà di comprensione, volute o provocate ad arte che siano. In fondo, non c’è da stupirsene, c’è solo da constatare il danno all’immagine della Festa che può derivarne. Oggi, in occasione della Giostra di settembre 2011, è anche per la miopia governativa che ci sentiamo tutti più stimolati che mai a far risaltare i grandi pregi senza prezzo che Foligno e la sua Festa hanno acquisito nel corso della loro storia"; ha concluso il presidente Guasticchi.
 

Potrebbe interessarti

  • Laghi dell'Umbria, quelli balneabili e quelli dove godersi la natura

  • Casa in disordine, addio: ecco le tecniche per imparare a mantenere tutto a posto

  • La passione per il vino porta David e Victoria Beckham in Umbria

  • Infarto, quando si presenta e come intervenire

I più letti della settimana

  • Travolta da un'onda e sbattuta contro lo scoglio: Sofia muore a 22 anni

  • Perugia, trovato morto in casa con la gola tagliata: indagini in corso

  • Don Matteo torna a Spoleto e gli albergatori chiedono il conto al Comune

  • Umbria, trovato cadavere in un campo: indaga la polizia scientifica

  • Nomine & Poltrone - Concorso per presidi, ecco i nomi dei 37 nuovi dirigenti scolastici in Umbria

  • Magione, incidente stradale tra tre auto a Montebuono: due feriti

Torna su
PerugiaToday è in caricamento