Spoleto, crisi ex Pozzi: Provincia in campo per salvare azienda

La Provincia di Perugia cerca di scendere in campo con un ordine del giorno per salvare la Ims di Spoleto, meglio conosciuta anche come la ex Pozzi

La terza commissione consiliare permanente della Provincia di Perugia ha affrontato il problema dell’azienda spoletina Ims conosciuta anche come “ex Pozzi”. L’ordine del giorno era stato precedentemente presentato dai consiglieri Giampiero Panfili del Pdl, Massimiliano Capitani e Laura Zampa del Pd.

Nella sua introduzione il presidente della terza commissione Luca Baldelli ha spiegato: “Non siamo, come qualche volta si dice, un ente che smobilita. Finché ci saremo, staremo vicino ai cittadini. Ecco il perché di questo incontro, organizzato per aiutare i lavoratori della ex Pozzi”.

“L’Ims è un azienda storica spoletina – ha esordito Capitani – è infatti ubicata all’interno di un sito dove una volta si portava il carbone, da bambini ci portavano addirittura a visitarla”. “Adesso è in pericolo il lavoro di 278 dipendenti, più altri 100 a tempo determinato che non hanno visto rinnovato il loro contratto. C’è comunque la sensazione che la proprietà voglia andare avanti – ha concluso il consigliere – lavoriamo tutti insieme per salvare questo presidio lavorativo, dopo che tante industrie hanno chiuso i battenti”. Il consigliere Panfili ha poi sottolineato, prima degli altri interventi, l’assenza della proprietà. Si sono in seguito avvicendati i sindacalisti: il primo è stato Francesco Giannini, responsabile provinciale della Cgil, che ha ribadito l’importanza di salvare il salvabile in uno scenario di fortissima crisi delle aziende locali, Adolfo Pierotti della Cisl provinciale ha aggiunto: “Questa regione dovrà prendersi le proprie responsabilità anche a livello politico, costruiamo una strumentazione per evitare che l’Umbria vada a picco”.

Sono intervenuti anche Alfonso Scoppetta della Uil e Franco Zaffini dell’Ugl, mentre il sindaco di Spoleto Daniele Benedetti ha rimarcato l’assenza dei vertici aziendali: “La situazione è preoccupante, non si vede la luce fuori dal tunnel: che ci diciamo tra di noi dopo i tantissimi incontri fatti? Manca l’interlocutore reale stiamo ancora aspettando il piano aziendale, senza questo non possiamo produrre niente di valido e di realmente produttivo”.

“La ricchezza delle nostre terre – ha ricordato Laura Zampa del Pd – è data dalla forza lavoro dei nostri giovani. Le realtà industriali esistenti vanno dunque tutelate al massimo, è indispensabile la ricerca di un costruttivo dialogo anche con gli istituti di credito e con il Ministero competente”.

 “Qualcuno non gioca nel verso in cui deve giocare – ha esordito il consigliere Enrico Bastioli, capogruppo dei Socialisti riformisti – dobbiamo essere allora dinamici, capire che cosa si può fare: se c’è la volontà di rimanere nel territorio, che si dimostri”. La commissione si è conclusa con la compilazione di un concreto calendario di lavoro.


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cresima e comunione insieme, l'arcivescovo cambia tutto: niente padrini e madrine per tre anni

  • Boato nella notte, salta in aria la vetrina del negozio di Acqua&Sapone di Madonna Alta

  • Carrefour sbarca in Umbria: ecco quanti saranno i punti vendita

  • Bambina di 12 anni all'ospedale per mal di pancia, ma è incinta

  • Pranzo della Comunione per 60 persone, ma nessuno paga il conto: nonno sotto processo

  • Schianto in galleria: grave una mamma, ferite lievi per i figli che viaggiavano con lei

Torna su
PerugiaToday è in caricamento