Persone e territorio al centro del dibattito, bilancio di fine mandato e nuovi impegni per il consigliere Castori

Miglioramento della vivibilità di Perugia a livello urbanistico, nel settore dei servizi e del trasporto pubblico tra gli impegni dell'esponente politico da sempre impegnato per la città

“Ascolto”, “concretezza” e “fattibilità”, mettendo al centro le persone e il territorio. Sono i cardini dell’impegno di Carlo Castori, consigliere comunale che ha scelto di ripresentarsi agli elettori nella lista “Romizi sindaco Progetto Perugia”.

“Da queste basi gli obiettivi sono di ripartire assicurando ancor maggiori attenzioni ed impegno verso quelle che sono le richieste dei cittadini per risolvere i problemi concreti di tutti i giorni – afferma Castori - Miglioramento della vivibilità di Perugia agendo sia a livello urbanistico/edilizio, che nel settore dei servizi e del trasporto pubblico”. Attenzione, quindi, alle problematiche dei pendolari per lavoro o per studio e a cittadini, associazioni di categoria e dei territori, come fulcro e motore di “qualsiasi azione politica e amministrativa, poiché ogni singolo territorio, ogni singolo quartiere o paese, hanno le proprie necessità che nessuno può conoscere meglio di chi questi luoghi li vive ogni giorno”.

Nato a Perugia il 14 gennaio 1953, imprenditore fin dalla fine degli anni 60’ e da ormai oltre trent’anni impegnato in politica, viene eletto nel 1995 e nel 1999 nell’allora terza circoscrizione come consigliere e capogruppo di Alleanza Nazionale per la terza circoscrizione, ricoprendo anche l’incarico di vice coordinatore comunale di Alleanza Nazionale e poi coordinatore nel 2005. Eletto consigliere comunale per il mandato 2009-2014 con il Pdl. Durante il mandato 2014-2019 gli sono stati affidati anche gli incarichi di presidente della Commissione Edilizia, Commissario della 3° Commissione Urbanistica e membro sia della 5° Commissione Controllo e Garanzia sia della 4° Commissione Cultura, Turismo e Sport.

Nel corso del suo mandato si è distinto per le iniziative volte all’ascolto dei bisogni e della sensibilità dei territori di Perugia. Tra le molte azioni in tal senso si ricorda in particolar modo la recente presa di posizione, con un ordine del giorno presentato in Consiglio Comunale, in cui si invita a valorizzare, conoscere e sostenere il servizio dell’ambulatorio diabetologico di Piazzale Europa. Sempre nell’ambito dell’ascolto della sensibilità dei territori, si ricorda anche la proposta, approvata dalla maggioranza, di intitolare una via di Castel del Piano a don Bozza, parroco di Castel del Piano dal 1953 al 1999, rimasto figura indimenticata tra ben tre generazioni di fedeli della diocesi locale.

Potrebbe interessarti

  • Igiene del letto, quante volte cambiare le lenzuola?

  • Lavastoviglie pulita e profumata, ecco i rimedi naturali

  • Invasione di formiche, come eliminarle con i rimedi naturali

  • Grande Fratello 2019, vince la concorrente umbra Martina Nasoni

I più letti della settimana

  • Quando iniziano i saldi estivi 2019, tutte le date regione per regione: il calendario completo

  • Tragico incidente stradale a Ponte Valleceppi, muore l'imprenditore perugino Massimo Bendini

  • Perugia, follia al Pronto Soccorso: familiare di un paziente aggredisce e colpisce in faccia un infermiere

  • Incidente stradale a Castiglione del Lago, due feriti

  • Città di Castello, marito e moglie scomparsi: la ricerca finisce in tragedia, trovati morti

  • Elicottero in volo a bassa quota in Umbria, così Enel controlla le linee elettriche

Torna su
PerugiaToday è in caricamento