Continua la guerra tra bocciani e la Presidente Marini, Leonelli li convoca tutti: "La crisi va risolta ora"

"La transitorietà non può diventare cronica. Preso atto che nonostante molti colloqui e tavoli aperti in queste settimane la vicenda non è stata ricomposta, la prossima settimana ho convocato un incontro all'esito del quale una strada definitiva dovrà essere intrapresa". Parole, musica e dura presa di posizione del segretario del Pd Umbria Giacomo Leonelli, stanco come gran parte del partito della lotta ancora non terminata tra la Presidente Marini e il gruppo dei bocciani guidato dall'assessore dimissionario alla sanità, Luca Barberini.
 
"Allo stato attuale dobbiamo prendere atto che questa situazione di incertezza, pur se figlia di dinamiche esterne alla segreteria regionale e che si è cercato di ricomporre da più parti e con buona volontà su più tavoli, crea un danno doppio al Pd dell'Umbria: da un lato, spesso impedisce al gruppo dirigente di parlare di altro, in particolare delle priorità dei cittadini e della comunità; dall'altro anche quando ci riusciamo, come è stato fatto in queste settimane sulle infrastrutture, su rifiuti ed economia circolare, sul reddito d'inclusione e su tanti altri temi, le nostre proposte rischiano di essere mediaticamente offuscate da una discussione molto autoreferenziale tra correnti che purtroppo rischia di allontanare sempre di più il Pd dalle aspettative dei cittadini umbri". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Quindi, come anticipato qualche giorno fa, ho convocato per la settimana prossima un incontro tra le parti in oggetto - conclude Leonelli - nel quale chiederò uno sforzo di responsabilità e un percorso di ricomposizione non più rinviabile, con l'auspicio che la vicenda possa concludersi positivamente.  Ove ciò non fosse possibile credo che dovremmo prenderne atto e avviare una fase diversa, ferma restando infatti la priorità di far uscire da questa 'secca' il PD dell'Umbria che, a causa di un dibattito interno che si trascina da mesi, ha già subito troppi effetti tutt'altro che positivi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Umbria Jazz, colpo di scena: l'annuncio ufficiale, progetto per quattro concerti ad agosto

  • Covid-19, quattro positivi asintomatici da Brunello Cucinelli: "L'isolamento ha evitato la trasmissione del virus"

  • Coronavirus, bollettino regionale del 31 maggio 2020: zero contagi, 17 le persone ricoverate

  • Offerte di Lavoro per Perugia e provincia: addetti al supermercato, farmacisti, operai, autisti e baby-sitter

  • Ragazza sparita di casa a Terni e segnalata a 'Chi l'ha visto', arrestata per rissa in corso Vannucci

  • Test sieroprevalenza: battere il Coronavirus, ma la metà degli umbri chiamati non risponde all'appello della Croce rossa

Torna su
PerugiaToday è in caricamento