Scandalo Sanità, mozione di sfiducia alla Marini: via libera all'iter in aula, il Pd osservato speciale

Tutte le opposizioni vogliono le dimissioni della Marini. L'ufficio di presidenza, dopo una breve consultazione, ha indetto una mini-conferenza stampa: "Riteniamo ricevibili le mozioni di sfiducia e quindi da martedì prossimo sarà aperta la discussione. Saranno sospesi i lavori delle commissioni e di aula"

La presidente Donatella Porzi

Quarto giorno post-terremoto giudiziario che ha coinvolto i vertici del Pd (Bocci), la  Giunta regionale (Marini e Barberini) e l'azienda ospedaliera di Perugia (Duca e Valorosi), la Governatrice Catiuscia Marini non si presenta in aula per il consiglio regionale. Le tre mozioni di sfiducia a suo carico avevano già da ieri stravolto l'ordine del giorno del classico Question Time previsto per questa mattina. Rimane nei suoi uffici di Palazzo Donini per sciogliere il nodo - insieme al Ministero della Sanità - del nuovo commissario straordinario dell'azienda ospedaliera di Perugia.  

VIDEO Porzi: "Provati da quanto letto, fiducia nella giustizia e impegno per il funzionamento delle istituzioni"

Inchiesta sanità - Le intercettazioni, dai concorsi alle nomine, tutti i sospetti di investigatori e indagati

A Palazzo Cesaroni, sede dell'assemblea legislativa dell'Umbria, invece si sono esaminate le tre mozioni di sfiducia nei confronti della Presidente della Giunta regionale presentate ieri pomeriggio, 15 aprile, dai gruppi consiliari di opposizione: Lega, Fratelli d’Italia, Forza Italia, Gruppo Misto-Umbria Next, Gruppo Misto-Ricci presidente/Italia Civica, Gruppo Misto-Fiorini per l’Umbria, Movimento 5 Stelle. Tutte le opposizioni vogliono le dimissioni della Marini. L'ufficio di presidenza, dopo una breve consultazione, ha indetto una mini-conferenza stampa: "Riteniamo ricevibili le mozioni di sfiducia e quindi da martedì prossimo sarà aperta la discussione. Saranno sospesi i lavori delle commissioni e di aula". Insomma le mancate dimissioni della Marini e l'iter della sfiducia attivato blocca il lavoro da fare per l'Umbria e per gli umbri ad un anno esatto dalla fine della legislatura. 

Inchiesta sanità - Le intercettazioni, ecco come progettavano di truccare altri concorsi

Per tutto il mese di aprile - si inizia il 23 aprile -  e la prima parte di Maggio si farà un bilancio del lavoro della giunta, sulla inchiesta destinata a crescere e sull'opportunità di avere un presidente indagato e una giunta in difficoltà. Tutto ora passa nelle mani dei consiglieri del Pd: accettare la sfida alle urne il prima possibile oppure resistere un anno ancora. Dodici mesi per rinascere o per logorarsi definitivamente? 

Inchiesta sanità - Concorsi truccati con domande concordate e facili perché "questi sono casi clinici"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cresima e comunione insieme, l'arcivescovo cambia tutto: niente padrini e madrine per tre anni

  • Boato nella notte, salta in aria la vetrina del negozio di Acqua&Sapone di Madonna Alta

  • Carrefour sbarca in Umbria: ecco quanti saranno i punti vendita

  • Bambina di 12 anni all'ospedale per mal di pancia, ma è incinta

  • Schianto in galleria: grave una mamma, ferite lievi per i figli che viaggiavano con lei

  • Pranzo della Comunione per 60 persone, ma nessuno paga il conto: nonno sotto processo

Torna su
PerugiaToday è in caricamento