FISE – Eumbria: un progetto per portare l’Europa a casa tua

l laboratorio, diretto da Fabio Raspadori, professore di Diritto dell’Unione europea presso il Dipartimento di Scienze Politiche di Perugia, sarà coordinato da Massimo Bartoli, docente di Diritto internazionale dello stesso Dipartimento,

eumbria_logo-6

Parafrasando l’indimenticabile film di Troisi: noi ricominciamo da 10. E sì perché il Laboratorio FISE (una Finestra sull’Europa) è nato nell’ormai lontano 2008 (quindi 10 anni fa) e, a parte una breve pausa, è proseguito fino all’attuale nuova edizione che, grazie all’ospitalità della rete Citynews, ci vedrà presenti con la rubrica “EUmbria” su ben due testate on-line: Perugiatoday e Ternitoday.

Ma cosa è il FISE-EUmbria, si starà chiedendo più di un lettore? Presto detto: un tirocinio universitario aperto a studenti di 4 Dipartimenti dell’Ateno di Perugia (Scienze politiche, Giurisprudenza, Economia e Lettere), che vogliono imparare il giornalismo raccontando come l’Unione europea sia rilevante anche per gli ambiti locali e regionali. Per farlo si avvarranno di una fitta rete di informatori (istituzionali e non) che, sia dall’Umbria, sia direttamente da Bruxelles, forniranno tante notizie interessanti ed utili, che è difficile, se non impossibile, trovare su altri media e nel web.

Il laboratorio, diretto da Fabio Raspadori, professore di Diritto dell’Unione europea presso il Dipartimento di Scienze Politiche di Perugia, sarà coordinato da Massimo Bartoli, docente di Diritto internazionale dello stesso Dipartimento, con il supporto della D.ssa Erika Ottavi, esperta di comunicazione presso il Centro Europe Direct Terni e collaboratrice dell’Università. Si tratta di un’impresa non facile, perché di Unione europea se ne sa poco e spesso quel poco viene raccontato pure male. Ma noi raccogliamo volentieri la sfida, perché dietro al FISE c’è una squadra ben attrezzata e molto motivata.

Nel progetto, oltre al Dipartimento di Scienze politiche di Perugia, nell’ambito del quale si svolge il tirocinio, un ruolo di primo piano ce l’ha proprio il Centro Europe Direct del Comune di Terni, che è una delle cosiddette antenne che la Commissione europea ha installato sul territorio per far conoscere le sue attività ai cittadini. Poi il Centro di Documentazione Europea dell’Università di Perugia, altra antenna europea in Umbria. Infine, ma non da ultimi, le due testate on-line Perugiatoday e Ternitoday, che già da tempo si occupano in generale di Unione europea con la loro rubrica fissa “Europatoday”.

Il compito di “EUmbria” sarà quello di far conoscere agli umbri le decisioni e le iniziative di Bruxelles che li riguardano. Una nuova fonte di finanziamento per le piccole imprese, un progetto rivolto alle scuole, come valorizzare i capolavori d’arte delle nostre città, quali svolte sul fronte dell’agricoltura biologica e tanto altro ancora si potrà trovare nelle pagine di “EUmbria”. Obiettivo: diventare cittadini europei più consapevoli ed informati su cosa realmente è e fa l’Unione europea.

LEGGI GLI ALTRI ARTICOLI DI EUmbria.


 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Anche i pusher hanno il loro Black Friday: sequestrato giro di coca scontato per "l'occasione"

  • Cronaca

    Aspetta la ex sotto casa e l'aggredisce, i vicini sentono le grida e la salvano: 50enne arrestato

  • Cronaca

    Soldi in nero dagli ambulanti, cadono le accuse per gli ex vertici Cosap: tutti 'assolti'

  • Cronaca

    Traffico di cocaina, era ricercato in tutta Europa: blitz in casa mentre sta preparando le valigie

I più letti della settimana

  • Autobus con rimorchio fermato lungo la E45: scatta maxi multa sopra i 4mila euro

  • L'appello su Facebook: "Elena è grave, ha bisogno di trasfusioni continue", come aiutarla

  • Stop al traffico per due giorni a settimana a Perugia e Ponte San Giovanni: le date e gli orari

  • L'azienda umbra che batte la crisi: fatturato milionario e un nuovo maxi investimento

  • Università di Perugia ai vertici in Italia, super nomina per il professor Paolo Gresele

  • Niente più WhatsApp, dal 2019 non funzionerà più su questi smartphone

Torna su
PerugiaToday è in caricamento