homemenulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Elezioni 2014, Pdl e Fratelli d'Italia in lotta: "Primarie per scegliere candidati a sindaco"

Si rischiano molte "Corciano" in Umbria per le amministrative del 2014 dove il Pdl e l'altro alleato di Fdi si sono divisi e spaccati. La destra del centrodestra chiede primarie subito per Perugia, Foligno e Terni. E le primarie non sono benviste dal Pdl

Ad un anno dalle prossime elezioni comunali - quelle serie rispetto alla tornata elettorale del prossimo 26-27 maggio -  che vedranno grandi piazze al voto come Perugia, Terni e Foligno, anche la coalizione di centrodestra è "terremotata". E come per il centrosinistra sono proprio i partiti minori  a creare scompiglio chiedendo rinnovamento. Se il Pd è alle prese con Sel in polemica per il Governo delle grandi intese nazionali, il Pdl deve fare già i conti con i critici di Fratelli d'Italia che in Umbria sono molto radicati e stanno cercando di riattivare quei canali un tempo di Alleanza Nazionale.

I rapporti sono al limite: a Corciano la destra del centrodestra ha rotto l'alleanza candidando un proprio rappresentante sindaco contro quello del Pdl. Anzi ha fatto di più: ha creato un vero e proprio centrodestra alternativo che va da Forza Nuova ai civici fino ai cattolici moderati. Ma ora c'è dell'altro. Fratelli d'Italia ha rilanciato le doppie primarie: quelle delle idee e soprattutto quelle  per selezionare il futuro candidato a sindaco di Perugia, Foligno e Terni. Da effettuare nelle prossime settimane tramite questionario in vari gazebo. Ecco quelle primarie che avrebbe voluto Giorgio Meloni nel Pdl e una volta negate è scattata la scissione morbida. Inutile dire che i vertici del Pdl - da Monni, passando per Girlanda fino ad arrivare a Laffranco - non amano per nulla questa soluzione che potrebbe ribaltare i rapporti di forza tra i due partiti.

"Noi vogliamo creare una vera alternanza a questo potere del centrosinistra in Umbria" hanno spiegato Emanuele Prisco e Franco Zaffini nel rilancio del movimento "Quindi non siamo disposti a fare alleanze a tutti i costi: soprattutto quelle che tendono solo a conservare delle rendite di posizione. Serve un cambiamento vero con tutti quelli che ci vogliono state condividendo le scelte e i programmi. Quello che non è accaduto a Corciano". Su Perugia il Pdl, almeno il gruppo comunale, vuole fare presto nell'individuazione del candidato sindaco che deve essere un "politico". Si vorrebbe dare l'annuncio ad ottobre.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Sarebbe ora di cambiare anche le persone.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Omicidio Polizzi, la Corte conferma l'ergastolo per Riccardo Menenti ma riduce la pena di Valerio

  • Cronaca

    Prima gli insulti, poi le coltellate: corsa disperata in ospedale

  • Cronaca

    Vola giù per venticinque metri, 50enne muore sul colpo: inutili i soccorsi

  • Cronaca

    Caccia agli spacciatori, Fontivegge al setaccio: due espulsi e tre denunciati

I più letti della settimana

  • Torna a casa Barberini: dopo l'aventino si riprende il "posticino". Chi comanda è la Marini

  • Passa la proposta Leonelli: più soldi per battere la povertà in Umbria, lavoro e sostegno al reddito

  • Centrodestra, Ricci torna a parlare di rinnovamento e civismo... ma è ancora leader?

    Torna su
    PerugiaToday è in caricamento