E45, l'Università sbugiarda la Regione: "Esenzione del pedaggio? Impossibile"

Due pareri della facoltà di Giurisprudenza silurano le prese di posizioni di Palazzo Donini. Ecco il perché

La sostanza è tutta qui: l’esenzione del pedaggio per gli umbri sulla futura E45 autostrada è impossibile. O quasi. Parola dell’Università degli Studi di Perugia e della sua facoltà di Giurisprudenza. Due documenti, due conclusioni. Due manate a Palazzo Donini.

La prima chiusa, pesante come pietra: “Non sembra rinvenibile in capo alla Regione un effettivo potere normativo né in ordine alla determinazione dei pedaggi, né tantomeno nella loro esenzione”. In pratica, la Regione Umbria ha le mani legate. “Essa, tutto al più, quale rappresentate degli interessi dei residenti umbri ricopre un ruolo meramente sollecitatorio nei confronti della concessionaria e degli organi statali preposti”. E ancora: “Si deve rilevare, inoltre, che le esenzioni previste a livello normativo e di prassi, sono mosse da ragioni di interesse generale nel primo caso e ragioni di carattere del tutto peculiare nel secondo caso. Tali ragioni non sembrano sussistenti nel caso dei residenti umbri, potendosi eventualmente rinvenire i requisiti per il riconoscimento di agevolazioni nel pagamento del pedaggio”. Morale della favola: al massimo gli umbri potranno avere un’agevolazione.
 

Passiamo alla seconda conclusione dell’Università. E anche questa non scherza: “Volendo a questo punto tratteggiare alcune conclusioni – si legge in calce del documento ‘Parere sull' esenzione dal pedaggio o sulla possibilità delle più ampie agevolazioni per i residenti umbri con riferimento alla trasformazione dell' attuale E45 in autostrada alla luce del diritto dell' Unione Europea - , si deve ammettere che in nessun caso immaginabile, tanto quello in cui la misura sia pensata esclusivamente per le persone fisiche residenti, quanto in quello in cui valga anche per le persone giuridiche, una ipotizzata esenzione totale o una agevolazione di grande valore può essere legittima alla luce del diritto dell' Unione Europea”.

Insomma, scordatevela e in fretta. L’Unione Europea non ammetterà mai una cosa del genere. Perché? Ancora l’Università: “Configurandosi tale esenzione come una manifesta deroga al principio di non discriminazione, nella misura in cui accorderebbe un grande beneficio economico ad alcuni soggetti per il sol fatto di esser residenti in Umbria, e a quello della libera concorrenza, poiché altererebbe l' impatto che il costo del trasporto avrebbe sugli operatori economici per la percorrenza del tratto in questione dell' infrastruttura, una sua ammissibilità sarebbe immaginabile solo qualora rientrasse nelle ipotesi derogatorie specificamente previste e poste in luce tanto nella legislazione, quanto negli altri atti delle istituzioni dell'Unione. Tali ipotesi contemplano soggetti portatori di pubblici interessi o di interessi privati ritenuti pubblicisticamente meritevoli di tutela (forze dell' ordine, operatori sanitari, soggetti svantaggiati), soggetti che si trovano in un territorio con caratteristiche geografico-morfologiche tali da limitare ipso facto i normali spostamenti, o, infine, soggetti che si trovano in un' area con particolari caratteristiche socio- economiche tali da costituire una condizione svantaggiata per i suoi abitanti, condizione che può esser abituale o emergenziale, dovuta cioè a situazioni di calamità”.

Questo il ventaglio delle ipotesi che potrebbero anche far chiude un occhio all’Europa su pedaggio. Ma, “considerando la condizione economica e territoriale dell' Umbria non sembra di poter rinvenire i presupposti per l' applicazione di una tale facilitazione”.
E la clinica di legge di Giurisprudenza ci ironizza pure. Così: “Potrebbe infatti affermarsi che l'Umbria è una regione economicamente sottosviluppata? Senza dubbio il peso dell'attuale congiuntura economica negativa ha avuto conseguenze importanti, ma non a tal punto da doversi parlare di allarme. Inoltre, si può onestamente affermare che la sua conformazione geografica sia tale da richiedere una agevolazione per chi vi si sposta? La risposta, anche in questo caso, sembra dover esser negativa”.

Il finale lo scrive il gruppo consiliare di “Perugia rinasce”. Un po’ perché hanno presentato loro questi pareri, un po’ perché tira aria di elezioni regionali. E così mettono nel mirino il bersaglio più grosso che c’è: la presidente Marini. Con queste esatte parole: “Promette pur sapendo di non poter mantenere; tira fuori l’ennesimo coniglio bianco dal cilindro sperando in una manciata di voti in più che le risparmi la figuraccia, che ha dovuto subire, per fortuna di Perugia, l’ex sindaco Boccali. Se poi la Società Autostrade ritirerà la disponibilità a compiere l’opera la sinistra potrà cantare vittoria per avere lasciato le cose nell’indegno stato in cui si trovano; se, invece, come probabile, le cose andranno avanti stralciando la richiesta di esenzione, il Pd potrà comunque dire di aver fatto tutto il possibile ma quei cattivoni a Roma, peraltro del medesimo partito, non hanno ascoltato le loro giuste richieste. A pagare saranno comunque i cittadini, ma intanto le elezioni saranno passate e la presidente e i suoi compagni in quest’aula potranno stappare dell’ottimo champagne millesimato, lasciando ai sudditi-cittadini l’aceto, decisamente non balsamico”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo concorso pubblico: 616 posti a tempo indeterminato, basta la licenza media

  • Elezioni regionali, nuovo sondaggio sull'Umbria: Tesei avanti su Bianconi, la forbice e il numero degli indecisi

  • Università di Perugia, premio alla miglior tesi di laurea: ecco la vincitrice

  • La Cena degli Sconosciuti arriva a Perugia: come funziona

  • Cancella la striscia continua con pennello e vernice: "Ero stanco di fare il giro lungo per rientrare a casa"

  • Tragico incidente con il furgone, muore a 58 anni: addio a Luca

Torna su
PerugiaToday è in caricamento