E45 autostrada, la versione del Pd di Perugia: "Al dibattito mancavano gli interlocutori importanti"

La lettera della segreteria e del gruppo consiliare in Comune all'indomani del Consiglio grande sulla trasformazione a Palazzo dei Priori

Trasformazione della E45 in autostrada, il dibattito si allarga. Riceviamo e pubblichiamo la lettera della segreteria di Perugia del Partito Democratico e del gruppo consiliare.

***********

“Un’iniziativa lodevole per le finalità che si era proposta, ma metodo di partecipazione e realizzazione del Consiglio grande sulla trasformazione della E45 in autostrada hanno evidenziato carenze importanti”. Così la Segreteria del Pd di Perugia e il gruppo consiliare dei democratici sul Consiglio aperto alla cittadinanza organizzato dal Comune di Perugia e tenutosi ieri alla Sala dei Notari di Palazzo dei Priori. “Salta agli occhi con prepotente evidenza la mancanza, nella lista degli intervenuti al dibattito, dei rappresentanti di istituzioni, associazioni di categoria e delle forze sociali, che pure sono  una voce autorevole e rappresentativa della città, oltre che di un pezzo importante della politica locale. Soggetti senza i quali non si può costruire il futuro della città e senza il cui contributo ogni dibattito rischia di essere insufficiente e di relegare Perugia a un ruolo marginale”. “Da parte nostra – ancora i Democratici perugini – abbiamo elaborato, sulla base delle discussioni portate avanti nel territorio nei mesi scorsi, un documento/relazione sul tema, che si propone di conciliare le esigenze della cittadinanza con le opportunità di sviluppo e rilancio dell’economia regionale”. “La trasformazione della E45 in autostrada – dunque - pone la necessità di una riflessione ad ampio raggio su vari aspetti che, direttamente e non, vengono coinvolti nelle scelte che si andranno ad intraprendere e sulle modalità in cui queste si metteranno in atto. Il dibattito ha interessato sia gli enti coinvolti che ovviamente la cittadinanza e il Partito Democratico di Perugia ha sintetizzato la propria posizione tenendo ben presente le necessità di tutti e le opportunità di crescita offerte, non tralasciando elementi di evidente criticità al fine di esprimere un punto di vista autorevole e condivisibile.

Il progetto rappresenta in sé una importante occasione di sviluppo per la città e per l’Umbria, implicando interventi economici e strutturali di notevole rilevanza, e potrà/dovrà essere in grado di favorire lo sviluppo e il rilancio del territorio, assicurare il superamento dell’isolamento attraverso investimenti mirati e politiche turistiche–culturali, nonché rendersi tassello irrinunciabile e fondamentale per tutto il comparto imprenditoriale.

Per raggiungere questi obiettivi, importanti e necessari, la trasformazione in autostrada dovrà essere accompagnata da alcuni capisaldi e evitare accuratamente alcune scelte che rendono il progetto rischioso e non in grado di garantire un apporto positivo. La trasformazione in autostrada implicherebbe prima di tutto la messa in sicurezza del tratto stradale con opere di manutenzione straordinaria e non, con un potenziamento del percorso e dell’arterie di ingresso e uscita tali da garantire la sicurezza e la mobilità dei cittadini e dei transitanti.

Altri punti fondamentali sono rappresentati dall’allungamento della E-45 attraverso la realizzazione dell’autostrada Civitavecchia-Orte-Mestre che rappresenta  un asse strategico per lo sviluppo locale sia di Perugia che di Terni nonché dell’intera regione  e dalla necessità che contestualmente siano trovate soluzioni per il ‘Nodo di Perugia’, funzionali alla trasformazione in oggetto e, in ogni caso, di importanza prioritaria per la Regione tutta e che dovrà trovare spazio nei progetti  di rilievo nazionale.

Resta ferma la necessità che ogni intervento dovrà avere un approccio scientifico e non irrazionale, basato sull’analisi puntuale dei dati di mobilità e di utilizzo, dei costi attuali e di quelli preventivati, della sostenibilità economica degli interventi sia dal punto di vista dello Stato che degli utenti. La soluzione adottata dovrà chiaramente essere in linea con i parametri di sostenibilità ambientale e di sviluppo economico-sociale, non sproporzionata rispetto alle reali necessità e ai bisogni dei territori. Inoltre,  dovrà evitare il rischio di aggravio di traffico, anche di mezzi pesanti, sulla viabilità secondaria che comporterebbe, tra l’altro, l’aumento dei costi di manutenzione stradale per gli enti locali.

Essenziale, poi, sarà la presa in considerazione di forme di esenzione per gli utenti residenti nei Comuni interessati: il pedaggio non potrà e non dovrà aggiungersi alla fiscalità generale già presente.

Siamo favorevoli, per concludere, a soluzioni che tengano insieme sviluppo locale, potenziamento infrastrutturale e sostenibilità ambientale - concludono i democratici di segreteria e gruppo consiliare - senza aggravio di costi per i cittadini (sostenibilità economico-sociale)”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni regionali Umbria, il sondaggio: scegli e vota il tuo Presidente e il partito o lista o movimento

  • Nuovo concorso pubblico: 616 posti a tempo indeterminato, basta la licenza media

  • Elezioni regionali, nuovo sondaggio sull'Umbria: Tesei avanti su Bianconi, la forbice e il numero degli indecisi

  • Università di Perugia, premio alla miglior tesi di laurea: ecco la vincitrice

  • La Cena degli Sconosciuti arriva a Perugia: come funziona

  • Cancella la striscia continua con pennello e vernice: "Ero stanco di fare il giro lungo per rientrare a casa"

Torna su
PerugiaToday è in caricamento