LA DENUNCIA "Malati costretti ad andare fuori-regione per curarsi con farmaci di ultima generazione"

L'accusa porta la firma del capogruppo regionale di Fratelli d'Italia Marco Squarta che ha raccolto diverse testimonianze tra i pazienti umbri afflitti da "retto colite ulcerosa"

Malati umbri costretti ad andare fuori-regione per prendere farmaci di nuova generazione che non sono disponibili o non sempre lo sarebbero nelle farmacie ospedaliere di casa nostra. E chi non va oltre confine è costretto a curarsi con altre tipologie di farmaci che possono dare maggiori effetti collaterali. L'accusa porta la firma del capogruppo regionale di Fratelli d'Italia Marco Squarta che ha raccolto diverse testimonianze tra i pazienti umbri afflitti da "retto colite ulcerosa". 

Sanità Umbria, monitoraggio innovativo per i diabeticI senza puntura del polpastrello

La sanità umbra stupisce il mondo: c'è la terapia per arginare ictus e infarti

"Quest'ultimi sono privati - ha spigato Squarta - delle cure appropriate e costretti a ricorrere al cortisone, con pesanti effetti collaterali. Da numerose segnalazioni risulta che ai pazienti viene spesso risposto che i nuovi farmaci biologici loro necessari non sono disponibili nelle farmacie ospedaliere, negando di fatto la possibilità di curarsi ai malati”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“L'intera Giunta regionale – ha continuato il consigliere di opposizione - dovrebbe farsi carico del problema di garantire una risposta sanitaria rapida e razionale a coloro che soffrono di questa patologia. E sarebbe opportuno che l'assessore alla sanità, Luca Barberini, intervenisse nei confronti dei direttori generali delle aziende ospedaliere affinché questa situazione sia al più presto risolta”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus | Lettera di risposta a Cucinelli: "Non per tutti volano felici le rondini: perchè non dà suggerimenti al Premier Conte?"

  • Coronavirus, salgono a 14 le vittime: nella notte è deceduto in ospedale un 59enne

  • Coronavirus, purtroppo altre 3 persone decedute negli ospedali di Foligno, Pantalla e Terni. Sono 24 in Umbria

  • L'Umbria apre tutte le sue bocche di fuoco contro il virus: test rapidi, 2mila tamponi al giorno e 25mila controlli mirati

  • Coronavirus, bollettino medico regionale del 22 marzo: 522 contagiati, 16 le vittime accertate

  • E alla fine il decreto sul lavoro è stato firmato, ecco le schede dei settori operativi e di chi potrà lavorare

Torna su
PerugiaToday è in caricamento