Umbria 'pericolosa'? Il Pd attacca la maggioranza: "Invece di polemizzare si metta al lavoro"

Coronavirus, la regione torna tra quelle a 'basso rischio' e il commissario del Pd umbro Verini incalza la Giunta: "Superi i suoi ritardi e metta in campo iniziative per promuovere il turismo in sicurezza"

È notizia di oggi il rientro dell'Umbria tra le regioni consierate a 'basso rischio' dal report settimanale dell'Istituto Superiore della Sanità, ma continua la polemica per i danni d'immagine subiti nei giorni scorsi dall'Umbria, che nonostante i suoi numeri virtuosi era stata considerata a "rischio medio" come la Lombardia, la regione più colpita dall'emergenza coronavirus.

Umbria, l'opposizione scende in guerra contro la Tesei: lettera di diffida

A ribadire come il 'cuore verde d'Italia' sia un territorio sicuro è anche il Pd, che accusa però la maggioranza al governo dell'Umbria di strumentalizzare i fatti: "Questa destra che governa l’Umbria sembra avere una sola specializzazione: nascondere le sue inconcludenze, le sue inadeguatezze, il suo non assumersi alcuna responsabilità attaccando il Governo - afferma il deputato Walter Verini, commissario del Pd umbro -. Ora, i nuovi dati di indice dei contagi elaborati e diffusi dalle autorità scientifiche e sanitarie hanno confermato come l’Umbria sia una regione a basso rischio, superando le discutibili parametrazioni dei dati della precedente rilevazione delle stesse autorità. Invece di gridare a fantascientifici complotti, invece di piangersi addosso, la Regione superi i suoi ritardi, metta subito in campo iniziative concrete di promozione turistica in sicurezza. Il Governo, i ministri, sono in campo per dare una mano ai territori, non per fare polemiche che sanno di permanente campagna elettorale, di cui nessuno sente il bisogno”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Squarta contro Brusaferro dell'Iss: "Ma quale picco, l'Umbria è sanissima"

Prima che uscisse il nuovo rapporto settimanale dell'Iss invece Emma Pavanelli, senatrice umbra del Movimento 5 Stelle, si era rivolta a Francesco Boccia, ministro per gli affari regionali aveva confermato l'intenzione di non eliminare il divieto di spostamenti extraregionali per le regioni a medio rischio: “Ho chiesto al ministro Francesco Boccia di rivalutare la sua posizione riguardo alla classificazione della regione Umbria da 'medio rischio' a 'basso rischio' - le parole della Pavanelli -. Gli umbri – conclude la senatrice - nel periodo dell’emergenza da Covid-19 hanno dimostrato di seguire le regole, come dimostrano i dati dei contagi anche alla luce della riapertura prevista nella Fase 2”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Umbria Jazz, colpo di scena: l'annuncio ufficiale, progetto per quattro concerti ad agosto

  • Covid-19, quattro positivi asintomatici da Brunello Cucinelli: "L'isolamento ha evitato la trasmissione del virus"

  • Coronavirus, bollettino regionale del 31 maggio 2020: zero contagi, 17 le persone ricoverate

  • Offerte di Lavoro per Perugia e provincia: addetti al supermercato, farmacisti, operai, autisti e baby-sitter

  • Ragazza sparita di casa a Terni e segnalata a 'Chi l'ha visto', arrestata per rissa in corso Vannucci

  • Al confine tra Umbria-Toscana: terribile schianto in A1, quattro vittime tra cui due bimbi

Torna su
PerugiaToday è in caricamento