Criminalità organizzata e infiltrazioni mafiose in Umbria: al vaglio una proposta di legge regionale

Si valuta in commissione un testo che arriva dalla precedente legislatura: l'obiettivo è migliorare prevenzione e contrasto dei fenomeni in questione, che rischiano di diffondersi in un tessuto economico indebolito dall'emergenza coronavirus

Un ponte aperto tra legislature, al di là del colore delle maggioranze politiche, è quello che ha portato sul tavolo della Commissione d'inchiesta "Analisi e studi su criminalità organizzata ed infiltrazioni mafiose" la proposta di legge regionale che era scaturita scaturita in forma unitaria da parte di tutti i componenti della passata Commissione. Ecco così che l'attuale presidente Eugenio Rondini (Lega), insieme agli altri componenti (i consiglieri Simona Meloni del Pd che è vicepresidente, Vincenzo Bianconi del Misto, i leghisti Paola Fioroni e Stefano Pastorelli della Lega, Eleonora Pace di Fratelli d'Italia e Fabio Paparelli del Pd), ha ascoltato il suo predecessore Giacomo Leonelli (ex consigliere regionale del Pd nella X legislatura).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus, indennità 600 euro: in pagamento la rata di aprile. Il calendario dell'Inps

I contenuti del testo sono stati poi illustrati nel dettaglio da Lavinia Marri, esperta del Servizio legislativo che ne ha
evidenziato i punti centrali delle attività di prevenzione e contrasto alla criminalità organizzata contenuti nel testo: gli accordi tra Regione ed enti pubblici in materia di giustizia e di contrasto alla criminalità; la diffusione della cultura della legalità e della cittadinanza responsabile nel mondo economico; la promozione della responsabilità sociale delle imprese, la certificazione di qualità e il rating di legalità; il recupero e l’utilizzo dei beni immobili confiscati o sequestrati. Prevista poi la promozione della legalità nei settori dell’autotrasporto e del facchinaggio; gli accordi per l’implementazione dell’attività ispettiva e di controllo; le norme per la legalità nel turismo, commercio e pubblici esercizi. Rispetto a questa proposta normativa, il segretario generale Juri Rosi ha sottolineato l’esigenza di rivederne i contenuti per aggiornarli e calibrarli alle mutate situazioni di contesto e al fine di rendere le norme più efficaci, incisive e aderenti alle competenze regionali in materia e in linea con la normativa nazionale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Umbria Jazz, colpo di scena: l'annuncio ufficiale, progetto per quattro concerti ad agosto

  • Covid-19, quattro positivi asintomatici da Brunello Cucinelli: "L'isolamento ha evitato la trasmissione del virus"

  • Coronavirus, bollettino regionale del 31 maggio 2020: zero contagi, 17 le persone ricoverate

  • Offerte di Lavoro per Perugia e provincia: addetti al supermercato, farmacisti, operai, autisti e baby-sitter

  • Ragazza sparita di casa a Terni e segnalata a 'Chi l'ha visto', arrestata per rissa in corso Vannucci

  • Al confine tra Umbria-Toscana: terribile schianto in A1, quattro vittime tra cui due bimbi

Torna su
PerugiaToday è in caricamento