Coronavirus, annullati gli appuntamenti di Matteo Salvini in Umbria

Annullati gli appuntamenti elettorali del leader della Lega in Umbria a sostegno della candidata del centrodestra Valeria Alessandrini alle suppletive dell'8 marzo

Annullati gli appuntamenti elettorali del leader della Lega in Umbria a sostegno della candidata del centrodestra Valeria Alessandrini alle suppletive dell'8 marzo. "A causa dell’emergenza Coronavirus, la Lega Umbria ha deciso di rinviare a data da destinarsi tutti gli appuntamenti elettorali di Matteo Salvini previsti oggi", scrivono dal Carroccio. Il segretario nazionale era atteso a Narni Scalo, poi San Gemini e infine a Foligno. Una decisione, spiegano dalla Lega, "presa per senso di responsabilità".

E Salvini scrive su Instagram: "Sono giornate difficili, ma l’Italia ha sempre dimostrato di essere un Paese forte, popolato da gente pronta a reagire e a risollevarsi, a non arrendersi mai. Il mio pensiero va a chi soffre, il mio grazie va a chi sta rischiando la propria vita per salvare quella degli altri. Tutti gli amministratori della Lega, a partire dai nostri governatori e sindaci, sono impegnati senza sosta per far fronte all'emergenza sanitaria.Non è il momento delle mezze misure: servono provvedimenti radicali, serve l’ascolto dei virologi e degli scienziati, servono trasparenza, verità e un’informazione corretta, servono controlli ferrei ai confini su chi entra nel nostro Paese". 

E ancora, in un altro post: "L’emergenza Coronavirus ha purtroppo anche gravi ripercussioni economiche su famiglie e imprese. Siamo pronti a dare una mano con suggerimenti concreti. Serve lo stop a versamenti Iva, Irap, Irpef, contributi Inps e altri adempimenti fiscali per attività commerciali, artigiani, liberi professionisti e categorie produttive colpiti dalle ordinanze restrittive. Il Governo dovrebbe, inoltre, riunire le banche per verificare lo slittamento delle rate dei mutui. Per agevolare la ripresa delle zone interessate ai provvedimenti restrittivi, in particolare nelle grandi città come Milano che stanno risentendo pesantemente del blocco delle attività, bisognerebbe pensare ad un periodo tax free. Suggeriamo inoltre un piano strutturato che preveda l’estensione a tutto il territorio nazionale di questo tipo di provvedimenti, pretendendo dalla Commissione Europea lo scorporo dai parametri di deficit di tutte le iniziative economiche messe in campo per fronteggiare la grave crisi sanitaria in cui si trova l’Italia".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus | Lettera di risposta a Cucinelli: "Non per tutti volano felici le rondini: perchè non dà suggerimenti al Premier Conte?"

  • Coronavirus, purtroppo altre 3 persone decedute negli ospedali di Foligno, Pantalla e Terni. Sono 24 in Umbria

  • L'Umbria apre tutte le sue bocche di fuoco contro il virus: test rapidi, 2mila tamponi al giorno e 25mila controlli mirati

  • Coronavirus, bollettino medico regionale del 22 marzo: 522 contagiati, 16 le vittime accertate

  • E alla fine il decreto sul lavoro è stato firmato, ecco le schede dei settori operativi e di chi potrà lavorare

  • Coronavirus, su Facebook e WhatsApp è tornata la bufala di Elisa Montagnoli

Torna su
PerugiaToday è in caricamento