Politici morosi, Pd e M5s mettono nel mirino tutta la giunta Romizi

Richiesta di attivazione della Commissione Controllo e Garanzia del Comune di Perugia

Bersaglio grosso: tutta la giunta Romizi. Dopo l'esposto in Procura, la politica. Pd e Movimento 5Stelle alzano il tiro sulla vicenda dei "morosi" in Comune e chiedono l'attivazione della Commissione Controllo e Garanzia di Palazzo dei Priori.

Nel mirino dell'opposizione, che ha già chiesto le dimissioni di Francesco Calabrese, l'esecutivo in totale. E di rimbalzo anche il sindaco Andrea Romizi. Spiega una nota del Comune: "I consiglieri chiedono, tra le altre cose, di verificare se la giunta, nella prima seduta utile, abbia effettivamente deliberato in merito ai requisiti di candidabilità, eleggibilità e compatibilità dei propri componenti, se le autocertificazioni depositate ad inizio mandato siano veritiere, e se durante il corso del mandato sono emersi nuovi profili di incandidabilità, ineleggibilità e incompatibilità". Insomma, controllare tutto. Dal principio della legislatura Romizi.

Nell'atto depositato da Pd e M5s, "si richiede l’attivazione della quinta Commissione Consiliare Permanente di Controllo e Garanzia per verificare la regolarità degli atti". Perché, si legge, "Ad oggi non risulta pubblicata alcuna delibera di Giunta relativa alla verifica requisiti di candidabilità, eleggibilità e compatibilità dei Componenti della Giunta Comunale, nonostante sia stato preso l’impegno di trattare la questione alla prima riunione di Giunta e di deliberare un atto formale sul tema".

E giù con l'elenco delle richieste: "Se la Giunta ha deliberato, come da impegno nel decreto sindacale di nomina, nella sua prima seduta in merito ai requisiti di candidabilità, eleggibilità e compatibilità dei propri componenti". Punto due: "Per quale motivo le autocertificazioni della Giunta non sono mai state pubblicate nel portale dell’ente sotto Amministrazione Trasparente come previsto anche dalla liberatoria sottoscritta dai componenti di Giunta". Terzo: "Verificare, anche grazie al supporto di esperti esterni ed autonomi, la veridicità e la regolarità delle autocertificazioni della Giunta comunale depositate ad inizio mandato". E poi c'è Romizi. Punto quattro: "Se il Sindaco  - si legge nell'atto - al momento della nomina degli Assessori o successivamente era a conoscenza di profili di incandidabilità, ineleggibilità e incompatibilità dei coloro che ha individuato come componenti della Giunta". Punto cinque, l'ultimo: "Se durante il corso del mandato sono emersi nuovi profili di incandidabilità, ineleggibilità e incompatibilità, come ad esempio lo sviluppo di nuove morosità". La partita è aperta, alla maggioranza la mossa. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spettacolo in cielo, le Frecce Tricolori sorvolano Perugia: ecco l'orario

  • Umbria Jazz, colpo di scena: l'annuncio ufficiale, progetto per quattro concerti ad agosto

  • Ad Umbertide apre un nuovo supermercato: 450 mq e una linea di prodotti tutta made in Umbria

  • Piante antizanzare da coltivare sul balcone o in giardino

  • Coronavirus, bollettino regionale del 31 maggio 2020: zero contagi, 17 le persone ricoverate

  • Coronavirus in Umbria, il bollettino del 26 maggio: un nuovo positivo su 1097 tamponi

Torna su
PerugiaToday è in caricamento