homemenulensuserclosebubble2shareemailgooglepluscalendarlocation-pinstarcalendar-omap-markerdirectionswhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companieslocation-arrowcarbicyclesubwaywalkingicon-cinemaicon-eventsicon-restauranticon-storesunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Sirap-Gema, la mozione di Smacchi: "Scongiurare la chiusura"

Andrea Smacchi presenta una mozione dove chiede alla Regione Umbria di scongiurare con ogni mezzo la chiusura della Sirap Gema di Corciano e il licenziamento di 60 persone

Sirap Gema

Il consigliere del Partito democratico, Andrea Smacchi ha presentato una mozione, da discutere in Aula, con la quale si chiede alla Giunta regionale di mettere in atto ogni azione per scongiurare la chiusura della Sirap-Gema tutelando i suoi 60 dipendenti e le loro famiglie.

Per Smacchi, la decisione di chiudere il sito produttivo di Corciano appare: “Assolutamente ingiustificata e rispondente a logiche geografiche piuttosto che economiche. Per un Comune come quello di Corciano e per il suo tessuto socio-economico, perdere 60 posti di lavoro rappresenterebbe un colpo troppo duro da subire”.
 
Smacchi è preoccupato per le sorti di Corciano ed ha presentato la mozione con l'obiettivo di impegnare l'Esecutivo di Palazzo Donini nella vertenza: "Ringrazio l’assessore uscente Gianluca Rossi e il nuovo assessore Vincenzo Riommi per essersi immediatamente attivati, ma è necessario che al più presto il Consiglio regionale discuta la mia mozione ed assuma impegni vincolanti a fronte di una situazione grave che vede la decisione della proprietà come non negoziabile”.

 
“Il sito produttivo di Corciano, a differenza di quello di Mantova è maggiormente operativo avendo, oltre al reparto di termoformatura, quello di iniezione e la annunciata chiusura, da parte del Direttore operativo e del responsabile delle risorse umane del Gruppo, è da ritenersi irricevibile. Per un Comune come quello di Corciano e per il suo tessuto socio-economico, perdere 60 posti di lavoro, mettendo in difficoltà economiche circa 200 persone, rappresenta un colpo troppo duro da subire”; conclude Smacchi.
 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Terremoto, il bilancio della Protezione Civile: "Sisma percepito più forte di quello del 1997"

    • Cronaca

      Estratto dalle macerie ad Arquata portato a Perugia con elisoccorso: è gravissimo

    • Cronaca

      Si salvano dal terremoto ad Amatrice, raggiungono l'Umbria e ricoverano il figlio

    • Economia

      Tribunali di Perugia, la denuncia: "Appalto cambiato, tagliate 11 lavoratrici"

    I più letti della settimana

    • Profughi, La Lega attacca duro: "Soldi e lavoro agli umbri: no corsie preferenziali per gli stranieri"

    • Lavoro, il Pd lancia il festival-dibattito: tornano D'Alema, Veltroni ma anche i giovani leoni renziani

      Torna su
      PerugiaToday è in caricamento