Buoni acquisto per celiaci, Onorevole Gallinella: “Superare le barriere regionali”

Al ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, il portavoce umbro insieme ad altri parlamentari del M5S ha presentato una interrogazione per abbattere le barriere burocratiche da regione a regione dei buoni

“Occorre superare le barriere burocratiche regionali e semplificare l’utilizzo dei buoni per l’acquisto dei prodotti senza glutine su scala nazionale”.  E’ la richiesta che il deputato penta stellato Filippo Gallinella rivolge al ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, a cui il portavoce umbro insieme ad altri parlamentari del M5S ha presentato una interrogazione. “Oggi – spiega Gallinella – coloro che sono affetti da celiachia possono usufruire di buoni per l’acquisto di prodotti senza glutine. 

L’utilizzo di questi buoni fuori regione, però, è subordinato all’esistenza di accordi bilaterali tra le regioni per poter ottenere i rimborsi. Tale meccanismo crea notevoli disagi, costringendo spesso chi si sposta per motivi di studio, lavoro o per vacanza a portare con sé tutti i prodotti senza glutine di cui ha bisogno”.

“La celiachia – sottolinea Gallinella – è una patologia sociale che interessa un numero crescente di cittadini. Basta osservare i dati. In Umbria, secondo la Usl Umbria 1, a dicembre 2009, i celiaci diagnosticati risultavano 1.494, di cui 420 uomini, ben 1.074 donne e 153 bambini. Nel 2012, secondo la sesta edizione della relazione annuale presentata al Parlamento dal ministero della Salute, i celiaci diagnosticati risultavano 148.662, di cui 2015 in Umbria. Nel 2013, sempre secondo la relazione ministeriale, i celiaci censiti in Italia sono saliti a 164.492, di cui 2.397 in Umbria”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Chiediamo – afferma l’onorevole 5stelle - al ministero di ‘liberalizzare’ l’uso dei buoni per l’acquisto dei prodotti aglutinati su tutte le farmacie e parafarmacie del territorio nazionale, indipendentemente dalla provincia o regione di residenza dei celiaci, nell’ambito del tetto di spesa mensile stabilito dal servizio sanitario nazionale. Chiediamo, inoltre, di facilitare l’uso del buono mensile anche attraverso i canali della grande distribuzione organizzata, introducendo pure la possibilità di lettura del tetto di spesa tramite la tessera del servizio sanitario europeo”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Assembramenti e risse in centro e Fontivegge, ordinanza Romizi: chiusura anticipata locali e obbligo mascherine

  • Coronavirus in Umbria, la mappa del contagio al 19 maggio: tutti i dati comune per comune

  • Contrordine da Roma, dalle 13 siamo una regione a rischio basso, quindi virtuosa. Ora nel mirino: la Valle d'Aosta

  • Coronavirus e movida violenta a Castel del Piano, in venti ubriachi al bar e scoppia la rissa: quattro arresti

  • Continua la campagna anti-Umbria sui contagi, ma il bollettino smentisce tutti: zero contagiati anche oggi, zero morti

  • Centro storico, assembramenti notturni in piazza Danti e in piazza IV Novembre: è polemica

Torna su
PerugiaToday è in caricamento