Calano le vendite auto nuove a gennaio 2020 in tutta Europa: -7,5 % rispetto al 2019

L'Italia mantiene comunque un tasso di riduzione delle vendite inferiore alla media europea; in Umbria i dati dicono che si vende meglio l'usato che il nuovo

Sono stati resi disponibili i primi dati sulle vendite di auto nuove nel 2020: a gennaio le immatricolazioni sono diminuite del 7,5% rispetto allo stesso mese dell’anno passato.

In particolare, in Europa le vendite sono scese da 1.034.407 a 956.779 unità.

Per quanto riguarda i vari Stati, primeggia la Francia con una riduzione del 13,4%. Germania e Regno Unito hanno perso il 7,3%, la Spagna il 7,4%. l'Italia ha, invece, il risultato migliore con una riduzione pari al 5,9%.

Diamo uno sguardo ai marchi automobilistici. Volkswagen appare il brand più apprezzato in Europa con 254.872 immatricolazioni di auto nuove. Il Gruppo tedesco ha perso solo lo 0,4% rispetto a gennaio 2019. Al secondo posto troviamo PSA, che ha perso il 12,9%, seguito da Renault in calo del 16,3%. 

Brutte notizie anche per FCA, che ha registrato -6.7%, in particolare il brand Alfa Romeo, che ha visto una riduzione delle vendite del 29,6%. In flessione anche Mercedes e Smart (-10,4%) e Ford, che ha perso il 22,7%.

Segnaliamo infine BMW, marchio cresciuto del 5,2% con 61.244 vendite, e Toyota che ha registrato un +12,2% con 60.355 nuove auto.

Nella nostra regione Umbria, invece, sembra che la vendita di auto usate sia sempre la prima scelta di chi deve acquistare o cambiare una vettura. Vedremo cosa registrerà il mercato nei mesi a venire.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria all'1 aprile: tutti i casi per comune di residenza

  • Coronavirus, purtroppo altre 3 persone decedute negli ospedali di Foligno, Pantalla e Terni. Sono 24 in Umbria

  • L'Umbria apre tutte le sue bocche di fuoco contro il virus: test rapidi, 2mila tamponi al giorno e 25mila controlli mirati

  • Coronavirus, bollettino regionale del 29 marzo: 1023 contagiati, cresce il numero dei guariti, 'solo' in 46 in terapia intensiva

  • Coronavirus, quando finirà l'emergenza? Le previsioni per l'Umbria

  • Coronavirus, bollettino regionale Umbria 31 marzo: rallenta il contagio, aumenta invece il numero dei guariti

Torna su
PerugiaToday è in caricamento