Marsciano, l'ambiente al primo posto: la Municipale adesso viaggia con l'auto elettrica

Il Comune di Marsciano ha inteso dare il proprio apporto in tale direzione, contribuendo anche ad arricchire la rete di stazioni di ricarica presenti in Umbria

Rispetto dell’ambiente e servizio per i cittadini. Sono questi i due concetti chiavi del nuovo progetto lanciato dal Comune di Marsciano e che ha portato all’acquisto di nuove auto elettriche che il l’Amministrazione ha acquistato in sostituzione di due vecchie auto da rottamare e che saranno date in dotazione alla Polizia municipale e ad uso di altri uffici.

Il Comune di Marsciano ha aderito al progetto europeo MuSAE, in partenership con altri Comuni, la Regione Umbria e l’Università, finanziato con le risorse del programma LIFE +, progetto avente valenza ambientale.  Il progetto ha consentito al Comune di Marsciano di concretizzare in particolare due obiettivi: la elaborazione del Piano Energetico Ambientale comunale e la realizzazione di un progetto di mobilità elettrica. Per quanto riguarda il Piano energetico, redatto senza alcun onere per il Comune dalla Facoltà di ingegneria di Perugia, dopo la sua adozione ad opera del Consiglio comunale e l’avvenuta fase di partecipazione sarà presto approvato in via definitiva dallo stesso Consiglio. 

Il progetto di mobilità elettrica ha in una prima fase consentito l’installazione di due colonnine di ricarica elettrica da parte di Enel, ad uso sia pubblico che privato, anche in questo caso senza oneri per il Comune. A ciò fa ora seguito l’acquisto di due auto elettriche che hanno un valore commerciale complessivo di circa 40mila euro e per il cui acquisto il Comune ha potuto contare, oltre che su risorse proprie, su un contributo europeo di circa 10mila euro e un contributo statale di 6.200 euro. Per quanto riguarda il costo di gestione si stima un risparmio di circa 6mila euro l’anno rispetto alle due auto rottamate. 

Va tuttavia sottolineato che la principale valenza del progetto non è tanto quella economica quanto quella ambientale, a partire dallo stimolo che l’acquisto di queste due auto può dare a tutta la cittadinanza riguardo alle attuali potenzialità della mobilità elettrica in fatto di riduzione delle emissioni nocive per la salute e dei gas serra. Sul fronte dei trasporti i principali Paesi europei sono impegnati a sostenere piani nazionali che puntano ad una progressiva sostituzione dei veicoli tradizionali con veicoli elettrici, ed auspichiamo che anche l’Italia possa dotarsi di politiche organiche volte a favorire la mobilità elettrica. 

Il Comune di Marsciano ha inteso dare il proprio apporto in tale direzione, contribuendo anche ad arricchire la rete di stazioni di ricarica presenti in Umbria. Vogliamo anche sottolineare come all’iniziativa pubblica si stiano affiancando interessanti iniziative private, sia nel settore agricolo che dei servizi, con proiezioni anche oltre il nostro territorio. Riteniamo quindi che questa importante realizzazione possa essere un contributo significativo a caratterizzare l’Umbria come terra non solo di particolari bellezze naturali ma anche rispettosa dell’ambiente e particolarmente attrattiva per un turismo a vocazione ecologica.

Potrebbe interessarti

  • Casa in disordine, addio: ecco le tecniche per imparare a mantenere tutto a posto

  • Laghi dell'Umbria, quelli balneabili e quelli dove godersi la natura

  • Occhio ai falsi amici della dieta: i cibi insospettabili che non fanno dimagrire

  • La passione per il vino porta David e Victoria Beckham in Umbria

I più letti della settimana

  • Perugia, trovato morto in casa con la gola tagliata: indagini in corso

  • Don Matteo torna a Spoleto e gli albergatori chiedono il conto al Comune

  • Umbria, trovato cadavere in un campo: indaga la polizia scientifica

  • Nomine & Poltrone - Concorso per presidi, ecco i nomi dei 37 nuovi dirigenti scolastici in Umbria

  • Terremoti, il sismologo Padre Martino in Cina: "Fratture di faglie conseguenti a trivellazioni e nucleare"

  • Magione, incidente stradale tra tre auto a Montebuono: due feriti

Torna su
PerugiaToday è in caricamento