Stagione di prosa, tra grandi nomi e spettacoli d'eccezione: ecco chi salirà sul palco

  • Dove
    Indirizzo non disponibile
    Spoleto
  • Quando
    Orario non disponibile
  • Prezzo
    Prezzo non disponibile
  • Altre Informazioni

Franco Branciaroli, Umberto Orsini, Giulio Scarpati, Valeria Solarino, Silvio Orlando, Ascanio Celestini, Fabrizio Bentivoglio, Michele Placido e la Compagnia Naturalis Labor: sono solo alcuni degli attori, dei registi, delle compagnie protagoniste a Spoleto della Stagione di Prosa 2016/2017, presentata questa mattina dall’assessore alla cultura Gianni Quaranta e dalla responsabile del circuito teatrale del Teatro Stabile dell’Umbria Bianca Maria Ragni. Un incontro, quello organizzato nella Sala dello Spagna di Palazzo comunale, che è stata anche l’occasione per rimarcare il successo crescente registrato negli ultimi tre anni dalle proposte teatrali della Stagione di Prosa.

“La Stagione 2013-2014 si era chiusa con 146 abbonamenti, di cui 33 scolastici e con una presenza media di 318 persone – ha spiegato l’assessore Quaranta – Già l’anno successivo riuscimmo a portare gli abbonamenti a 288, con 123 scolastici e 427 di presenze media. Nella passata edizione il dato è migliorato ancora, raggiungendo i 462 abbonamenti, un apprezzamento crescente tra i ragazzi con ben 195 abbonamenti scuola venduti e una presenza media di 536 persone. Si tratta di un risultato che considero estremamente positivo e che mi auguro di poter migliorare ancora: riuscire ad avere il tutto esaurito al Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti durante gli spettacoli della Stagione di Prosa sarebbe strepitoso”.

Un successo che Quaranta lega a quattro fattori principali: la capacità di migliorare costantemente la qualità delle proposte; l’importanza degli incontri di mediazione teatrale con i giovani, organizzati da Lorella Natalizi ed Erika Donini (presenti oggi alla conferenza stampa); la possibilità che viene data ai ragazzi di assistere alle prove della messa in scena degli spettacoli e di dialogare con le persone della compagnia, dal regista, agli attori fino ai tecnici e, infine, alle attività di promozione e di sensibilizzazione delle realtà cittadine (associazioni culturali) portate avanti con le scuole.

“Il rapporto tra il Teatro Stabile dell’Umbria e il Comune di Spoleto è sempre più forte – sono state le parole di Bianca Maria Ragni – Anche quest’anno c’è stato un lavoro importante per arrivare a presentare un programma di grande interesse. Quattro sono gli spettacoli che apriranno a Spoleto la propria tournée nazionale: “Macbeth”, che lo scorso anno è stato a Brescia per una sola settimana; “Il giuoco delle parti”, anche grazie all’amore di Umberto Orsini per l’Umbria; “Una giornata particolare”, con Giulio Scarpati e Valeria Solarino, attori straordinari che dimostrano un grande coraggio nel mettersi a confronto con due mostri sacri del cinema italiano come Marcello Mastroianni e Sofia Loren. L’ultimo è “L’ora di ricevimento” con Fabrizio Bentivoglio”.

La stagione di Prosa si apre mercoledì 12 ottobre (ore 21) al Teatro Nuovo “Gian Carlo Menotti” con “Macbeth” di William Shakespeare per la regia di Franco Branciaroli. Si tratta di un ritorno per Branciaroli che, in occasione del 400° anniversario della morte del Bardo, si confronta di nuovo con Macbeth, dopo esserne stato già protagonista nell’edizione diretta da Giancarlo Sepe nel 1994. Sabato 29 ottobre ore 21 sempre al Teatro Nuovo, Umberto Orsini, con Alvia Reale e Totò Onnis, torna nei panni di Leone Gala nel celebre dramma pirandelliano “Il giuoco delle parti”. Giovedì 24 novembre ore 21 al Teatro Nuovo va in scena “Una giornata particolare”, il capolavoro cinematografico del 1977 di Ettore Scola interpretato a teatro, con l’adattamento di Gigliola Fantoni e la regia di Nora Venturini, da Giulio Scarpati e Valeria Solarino.

Torna al Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti Ascanio Celestini, uno degli interpreti più amati e apprezzati del teatro di narrazione, che con “Laika” (sabato 10 dicembre alle ore 21) porta in scena, in maniera grottesca e ironica, un Gesù improbabile che dice di essere stato mandato molte volte nel mondo e che si confronta coi propri dubbi e le proprie paure. Lunedì 9 gennaio ore 21, per la regia di Michele Placido, va in scena “L’ora di ricevimento” con Fabrizio Bentivoglio che interpreta il professor Ardeche, un insegnante di materie letterarie nel cuore dell’esplosiva banlieue di Les Izards, ai margini dell’area metropolitana di Tolosa.
Spazio alla danza e al tango domenica 19 febbraio ore 17 con la Compagnia Naturalis Labor che porterà sul palcoscenico “Romeo Y Julieta Tango” per le coreografie e la regia di Luciano Padovani. Ultimo appuntamento della Stagione è in programma lunedì 20 marzo ore 21 con lo spettacolo “La scuola” di Domenico Starnone per la regia di Daniele Luchetti. A 20 anni di distanza torna la commedia teatrale del ’92 che ispirò il film cult La scuola. “Ho deciso di riportare in scena lo spettacolo più importante della mia carriera – ha dichiarato Silvio Orlando spiegando la scelta – fu un evento straordinario, entusiasmante, con una forte presa sul pubblico”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

I più visti

  • Al via il Music Fest Perugia 2019

    • fino a domani
    • dal 25 luglio al 19 agosto 2019
    • varie
  • Torna la Sagra della Tagliatella e dei Sapori Perugini a Ponte Valleceppi

    • dal 28 giugno 2019 al 7 giugno 2020
    • Parco Comunale di Pontevalleceppi
  • A San Fortunato della Collina torna la Sagra del Piccione in Carrozza

    • dal 24 maggio 2019 al 6 maggio 2020
    • San Fortunato della Collina
  • "Ayrton Senna - Alla velocità del cuore" una mostra sul grande campione brasiliano di F.1 in occasione del Todi Festival

    • dal 24 agosto al 9 settembre 2019
    • Sala Torcularium - Complesso Nido dell’Aquila
Torna su
PerugiaToday è in caricamento