Rubrica Visti per Voi: "Il padre" incanta il teatro Cucinelli, spettacolo di livello assoluto

Uno degli spettacoli in assoluto più belli, mai visti nel circuito teatrale umbro. È un testo supportato da due splendidi attori: Alessandro Haber e Lucrezia Lante della Rovere

Uno degli spettacoli in assoluto più belli, mai visti nel circuito teatrale umbro. È un testo supportato da due splendidi attori: Alessandro Haber e Lucrezia Lante della Rovere. “Il padre”, lavoro di Florian Zeller, è accreditato anche in quanto vincitore del Prix Molières 2014. Al Cucinelli ha trovato un’accoglienza entusiastica, anche per la forza e l’attualità del tema trattato: quello della malattia, come il morbo di Alzheimer, che spersonalizza e reifica.

Il protagonista, Andrea, è un uomo dinamico e propositivo, che però comincia a perdere colpi: la senescenza della mente si manifesta con spaesamenti e amnesie. La figlia Anna decide di ospitarlo  a casa propria, ma non tiene conto dell’insofferenza del marito e del fatto che il padre non intende rinunciare alle proprie abitudini e alla rivendicata autonomia. Da qui le incomprensioni che minano il rapporto: è difficile amare quando pare non esserci reciprocità. L’amore, insomma, è un sentimento bidirezionale. Altrimenti, tutto salta. Ma la pièce non ha nulla di pietistico e convenzionale, poiché l’autore e gli interpreti riescono a cavarne, addirittura, spunti di ironia, anche se declinata sul versante dell’amarezza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La rappresentazione della provvisorietà del percorso esistenziale o, come si dice, la “vanitas vanitatum” fa pensare e coinvolge spettatori di ogni età. Dànno man  forte ai due protagonisti, David Sebasti e Daniela Scarlatti, Ilaria Genatiempo e Alessandro Parise, che fanno debitamente apprezzare le scelte registiche di Piero Maccarinelli. Un lavoro in cui non c’è nulla di sbagliato: semplici ed efficaci le scene, modulari e dinamiche (Gianluca Amodio), pertinenti i quasi non-costumi di Alessandro Lai, un orologio svizzero le luci (Umile Vainieri), calzanti le musiche, tra effetti sonori ed elettronica (Antonio Di Pofi). Uno spettacolo che ci riconcilia col teatro e compensa lo spettatore di tanto sciattume che si vede in giro. Degno corollario: la raccolta di solidarietà finale a favore dell’AIMA (Associazione Italiana Malattia di Alzheimer) sotto il brand “Non dimenticare chi dimentica”. Perché anche il teatro aiuta a pensare e a ricordarci che la mente può perdersi nell’abisso dell’oblio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Concorso pubblico, 2133 assunzioni a tempo pieno e indeterminato: il bando

  • Concorso per l'assunzione di 2133 funzionari della pubblica amministrazione: il bando

  • Umbria, tragedia a Terni: trovati morti a 15 e 16 anni, indagini in corso

  • Umbria, adolescenti trovati morti: uomo in carcere. Il cocktail micidiale di sciroppo e psicofarmaci

  • Umbria, Flavio e Gianluca morti dopo un mix di droghe: parlano i genitori

  • Omicidio Polizzi, la Cassazione scrive la parola fine: i Menenti tornano in carcere, Riccardo per sempre

Torna su
PerugiaToday è in caricamento