VISTI PER VOI Per Smanie di Primavera, al Morlacchi, “Almost, Maine”

Cose che possono accadere solo nel Maine, in una cittadina di poche anime, in un freddo venerdì di un anno qualunque. Il testo da cui sono tratte le cinque affabulazioni è “Almost, Maine” di John Cariani, un bestseller del teatro americano contemporaneo

Due cow boys in Almost, Maine (Jacopo Costantini e Ludovico Röhl)

Cose che possono accadere solo nel Maine, in una cittadina di poche anime, in un freddo venerdì di un anno qualunque. Il testo da cui sono tratte le cinque affabulazioni è “Almost, Maine” di John Cariani, un bestseller del teatro americano contemporaneo.

Sono tutte storie d’amore, sebbene declinate in modalità che si reggono in precario equilibrio fra il sentimento e l’ironia. Storie un po’ assurde, tenute insieme da un senso di solitudine e dal desiderio di condivisione. C’è chi lo chiama amore. Anche quando le solitudini che s’incontrano sono quelle, omoerotiche, di due ruvidi cow boy (Jacopo Costantini e Ludovico Röhl ) che scoprono imprevedibili affinità elettive (alla maniera de “I segreti di Brokeback Mountain”).

Una pièce composita in cui – in una scenografia “assente” – s’intercetta un’aurora boreale da aspettare in un campo di patate, per omaggiare il nome e la memoria di un marito morto, anzi ammazzato da un’uxoricida, pentita mica tanto. Ma col cuore a pezzi, raccolti in un sacchetto di stoffa. Mentre in petto le batte un cardio tecnologico indistruttibile.

Un tipo insensibile al dolore e una rubrica delle cose che “possono fare male” da compilare insieme a una sconosciuta. E altre situazioni, quasi da teatro dell’assurdo, vissute con rassegnata quotidianità.

Un affresco della provincia americana in cui tutto accade e niente accade. O forse si vive nell’attesa di un evento che possa segnare una svolta. Almeno per una volta.

La componente femminile è incarnata da Giulia Trippetta Silvia Zora, convinte e convincenti. Samuele Chiovoloni si conferma regista e autore di talento, tanto da ottenere meritati riconoscimenti. Ne abbiamo vista e apprezzata la costante crescita, ampiamente confermata da questa prova registica di vaglia.

I giovani dello Stabile si dimostrano meritevoli dell’investimento, in termini di aspettative confermate, prima da parte di Franco Ruggieri e poi dell’attuale direttore artistico, Nino Marino. Una buona scelta per valorizzare giovani talenti. Che affrontano queste “smanie” quasi invernali con la primavera della loro giovinezza.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Insulti e botte tra genitori mentre aspettano il bus della gita dei figli, a processo in tre

  • Cronaca

    In manette spacciatore con protezione umanitaria, nel cellulare le prove della cessione di droga

  • Cronaca

    Operazione anti-droga dei Carabinieri, tanti giovanissimi nella rete: sequestrata serra di marijuana

  • Politica

    Dimissioni Marini, ecco chi gestirà e con quali poteri l'Umbria fino al voto

I più letti della settimana

  • L'azienda fa il record di fatturato, il presidente regala ai dipendenti una crociera

  • Maltempo, carreggiata inondata: la strada tra Pila e Badiola diventa un torrente, auto bloccate

  • Prima il sì alla sposa, poi il grande gesto: medico di Perugia salva un 60enne

  • No alle dimissioni della Marini, malore per la Presidente: corsa all'ospedale di Pantalla

  • Incidente stradale lungo la Flaminia, quattro feriti trasportati in ospedale

  • Inchiesta sanità, il consiglio regionale respinge le dimissioni di Catiuscia Marini

Torna su
PerugiaToday è in caricamento