"L'inferno dantesco" dei ragazzi di San Patrignano, al Cucinelli lo spettacolo che "commuove"

Uno spettacolo intriso di lacrime e stridore di denti, un "Dante, Inferno 2.0" che riepiloga vicende di microstorie, attualissime e dolorose. Ma non prive di speranza

Polo artistico di San Patrignano all’anfiteatro Cucinelli di Solomeo. Una serata dantesca che supera la performance di Benigni. Perché i ragazzi in scena raccontano di sé, del proprio percorso di uscita da un buco incommensurabile e dal vuoto che si portavano dentro. Una redenzione vera, non letteraria. Perché il teatro è tale se racconta la vita e ci rende migliori, come diceva Aristotele nel quarto libro della sua “Metafisica”.

Uno spettacolo intriso di lacrime e stridore di denti, un “Dante, Inferno 2.0” che riepiloga vicende di microstorie, attualissime e dolorose. Ma non prive di speranza. E questa prova, che incrocia teatro e vita, ne è la tangibile dimostrazione. Lo strazio dei dannati è quello della quotidianità attraversata da tanti di loro, giovani uomini e giovani donne in cerca di riscatto.

Così la “Commedia” si dipana in una mistilingua che incrocia napoletano e pugliese, romano e fiorentino, a riprova di una condizione  di dolore universale, nel nome di una condivisione dell’avventura esistenziale che si propone come paradigmatica, ma da esorcizzare, da superare in nome dell’amore.

Così, i ragazzi di  San Patrignano “escono” dal fondo dell’Inferno delle loro coscienze, dal buio dei loro errori pregressi, dalla ghiacciaia di Cocito, attraverso la “natural burella” a scoprirsi figli di quel Dio “che move il cielo e le altre stelle”. Un teatro-terapia della specie più alta.

Uno spettacolo denso, che muove e commuove. Giovani impegnati fino allo spasimo, con mezzi semplici ma efficaci, valendosi di qualche bastone, di una straordinaria fisicità, di vocalità esasperate, della colonna sonora di una chitarra, un violino, un basso e percussioni a scandire i momenti topici della narrazione. Che non si allontana dal testo dantesco, se non per raccontarlo con la passione e con l’immediatezza del dialetto.

All’anfiteatro Cucinelli, dunque, una grande lezione, quella che i giovani di San Patrignano hanno appreso da Pascal La Delfa, regista di teatro sociale, e da Nicola Rosti, formatore musicale della Comunità che fu di Muccioli. Una lezione che ha trasformato un sogno in realtà. Una realtà che prende vigore quando il sogno non è di uno solo, ma di tutti. Una reale catarsi.

Un padre, alla fine della rappresentazione che ha turbato e ammaliato gli spettatori, si avvicina al cronista e chiede di inviargli qualche scatto. Come dire di no? Lui non ha fotografato per non mettere in imbarazzo il figlio: uno dei tanti che hanno iniziato il tanto desiderato percorso di rinascita. Una grande lezione di cultura e umanità che non deve lasciarci indifferenti. Perché, rispetto a questo terribile problema, nessuno di noi può dirsi perfettamente innocente. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Assalto da film al distributore: accesso chiuso con i trattori e cassonetti in fiamme

  • Politica

    Un corso per i dipendenti pubblici sulle problematiche Lgbti fa gridare allo scandalo: "Propaganda gender"

  • Cronaca

    Umbria, auto in panne: uomo si getta nella scarpata per evitare un tir in corsa

  • Attualità

    Meteo, colpo di coda dell'inverno: crollo delle temperature, prevista neve

I più letti della settimana

  • Emanuele Cecconi, si spegne la speranza: il figlio conferma, è morto

  • Il Comune di Perugia assume, ottanta nuovi ingressi in tre anni: tutte le figure richieste

  • Dramma in Umbria, precipita da un ponte e muore a 23 anni

  • Aeroporto, nuovo volo Ryanair: conto alla rovescia per il battesimo del collegamento Perugia-Malta

  • Gubbio, schianto tra una Panda e una Lotus: auto distrutte, due feriti in ospedale

  • Giornate Fai di Primavera, i tesori dell'Umbria aprono le porte ai visitatori: l'elenco completo

Torna su
PerugiaToday è in caricamento