Festa grande a Prepo per la ricorrenza del protettore San Marco

Partecipano coi loro disegni anche i disabili della Comunità Capodarco

Festa grande a Prepo per la ricorrenza del protettore San Marco… partecipano coi loro disegni anche i disabili della Comunità Capodarco.

Tutto secondo tradizione. Appuntamento alla chiesa di Santa Maria della Misericordia e statua del santo collocata sul camioncino. Operazione di cui sono responsabili i priori Eutimio e Rolando. Poi ben tre processioni. La prima al campo sportivo, in via della Quintana, con messa alle 9. Secondo step in piazza Cherubini fino alla chiesa-prefabbricato. Infine, alle 11:40, il rientro alla vecchia chiesa con benedizioni e “rogazioni” che raccontano i percorsi della pietà popolare. Sono, queste, delle antiche preghiere in latino, tendenti ad allontanare dalle messi le avversità meteorologiche: “a fulgure et tempestate libera nos, Domine” (“Signore, liberaci dalla folgore e dalla tempesta”), residuo di una civiltà contadina che affidava alla fede le proprie sorti.

Nel pomeriggio, eventi sul palco: teatro, musica e, alla sera, fuochi d’artificio avvertiti fino all’acropoli. Naturalmente, cibo della tradizione (torta con vario “companatico”) e bevande. Presenti le immancabili bancarelle.

Degna di nota la partecipazione dei ragazzi disabili della Comunità Capodarco i quali vivono in casa-famiglia, proprio poco sopra. Sono stati loro stessi a realizzare dei disegni che ritraggono momenti tipici e topici della festa di San Marco. Una bella testimonianza di condivisione e di integrazione con la comunità paesana. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nessuno vuole più indossare la toga? Esame da avvocato, domande al minimo storico

  • Muore a 39 anni schiacciato dal trattore, inutili i soccorsi

  • "Mi ha ridotto così divertendosi": Caterina denunciando tutto è riemersa dall'abisso: massacrata ma viva

  • Umbria, colpito da infarto in banca: infermiere e vigile del fuoco fuori servizio gli salvano la vita

  • Cadavere in un canale, sul posto Carabinieri e Vigili del fuoco

  • Ingegneri, architetti, scienziate e statistici: i laureati che mancheranno nei prossimi anni

Torna su
PerugiaToday è in caricamento