VISTI PER VOI, Al Morlacchi "Peter Pan guarda sotto le gonne", uno spettacolo per tutte le età

Primo capitolo della Trilogia sull’Identità di Liv Ferracchiati. Linda Caridi, Luciano Ariel Lanza, Chiara Leoncini e Alice Raffaelli, attori giovanissimi e promettenti

“VISTO PER VOI. Sul palcoscenico del Morlacchi, “Peter Pan guarda sotto le gonne”, primo capitolo della Trilogia sull’Identità di Liv Ferracchiati. Linda Caridi, Luciano Ariel Lanza, Chiara Leoncini e Alice Raffaelli, attori giovanissimi e promettenti, interpretano una pièce con atteggiamento disinvolto e lieve. Ma dietro c’è parecchio studio: lo si capisce dalla fluidità del racconto.

È vero: c’è qualcosa di “studiatamente improvvisato” nell’interlocuzione col pubblico di Tinker Bell, l’alata “Fata che esiste”, ma tutto scivola e gira, a riprova di un tirocinio lungamente sperimentato. È anche questo il vantaggio di assistere all’ultima replica, a meccanismi perfettamente oliati. Il tema è quello della scoperta dell’identità nel preadolescente, diviso tra ego e alter ego, una femmina e un maschio, vestito con la stessa camicia a scacchi e speculare al codice di genere. Sebbene muto e assorto, come terzo da sé.

Confidente spavalda è Wendy, pseudo adulta provocatrice e, forse, fonte di pulsioni omoerotiche. Ma non c’entra niente il sesso: lo spettacolo è di un candore incandescente. L’età dell’incertezza è qualcosa di splendido e frustrante: chi scrive (col tirocinio di qualche  decennio d’insegnamento) l’ha letto migliaia di volte nel corpo e nei cuori di tanti adolescenti. Eppure non c’è nulla di scandaloso in questa scoperta dell’altro lato del sé, nella drammatica indecisione che turba e rende incerto il cammino e confusa la meta. Ma conta più il viaggio che il traguardo.E la strada migliore è, sempre e comunque, quella dell’amore. Perché amare non è mai sbagliato e non può essere che un bene.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Scrive Nietzsche: “Le cose grandi chiedono che se ne parli in grande. ‘In grande’ significa con cinismo e con innocenza”. Cinico e innocente: come questo spettacolo bello, di giovani, per giovani… di tutte le età.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, purtroppo altre 3 persone decedute negli ospedali di Foligno, Pantalla e Terni. Sono 24 in Umbria

  • L'Umbria apre tutte le sue bocche di fuoco contro il virus: test rapidi, 2mila tamponi al giorno e 25mila controlli mirati

  • Coronavirus, dalla spesa alle scarpe: le risposte dell'Istituto superiore di sanità sul contagio

  • Coronavirus, bollettino regionale del 29 marzo: 1023 contagiati, cresce il numero dei guariti, 'solo' in 46 in terapia intensiva

  • Coronavirus, bollettino medico del 26 marzo: in Umbria 20 morti, 802 contagiati e 12 clinicamente guariti

  • Coronavirus, nuovo bollettino medico in Umbria (25 marzo): 3 guariti in più, zero nuovi decessi, 710 contagiati

Torna su
PerugiaToday è in caricamento